martedì 19 luglio 2011

500 Giorni insieme

"Questa è la storia di un lui e di una lei, ma tanto vale chiarirlo sin dal principio, non è una storia d'amore"



Il film si apre con un avvertimento: "Any resemblance to people living or dead is purely accidental..especially for you Jenny Beckman...Bitch!"
Tom (Joseph Gordon-Levitt) è un inguaribile romantico che si innamora della sua collega di ufficio Sole (Summer nella versione originale, interpretata da Zooey Deschanel), sicuramente più realista e disillusa di lui nei confronti di parole come amore e legami.
Inizierà così una tragicomica avventura d'amore lunga 500 giorni, intervallata da momenti di esaltazione, gioia, crisi, fino a momenti di buio esistenziale.
Aspettative e realtà raramente coincidono e Tom lo capirà a sue spese nel corso del suo travagliato cammino, sostenuto però dagli amici e dalla (ben più matura) sorellina.

La grande originalità del film sta nel montaggio: un susseguirsi di flashback e flashforward, alternati da sketch indicanti il "giorno in cui passa la relazione" e con soggetto che cambia al cambiare della situazione emotiva in cui si trova Tom,  sogni ad occhi aperti del protagonista che esplodono sulla scena  contornata dalla folla festosa e uccellini in technicolor o che si accartocciano nella triste solitudine proiettata in un film in bianco e nero.
Particolari escamotage che divertono e riescono ad inquadrare perfettamente ogni dettaglio della storia d'amore e ogni sfumatura dell'animo del protagonista.
Ma la fine di un amore non lascia a Tom solo un grande sconforto, è la spinta per ricominciare: lasciato solo nella sua depressione, deve fare i conti con sé stesso e con il futuro.
Riuscirà così a trovare quel coraggio che gli mancava per essere quello che ha sempre voluto davvero essere, smettendo finalmente di rifugiarsi con tutte le sue insicurezze in un lavoro mediocre lasciandosi cullare dall'infelicità.

Grande prova recitativa per Joseph Gordon-Levitt, perfettamente adeguato nel ruolo di impacciato sognatore spallegiato anche dalla buona interpretazione di Zooey Deschanel.
Per quanto riguarda l'avvertimento iniziale, lo sceneggiatore, Scott Neustadter, ha dichiarato di essersi ispirato ad una storia d'amore finita male all'università.
Da segnalare, infine, l'ottima colonna sonora del film - come le canzoni degli Smiths che Tom tenta di utilizzare per attirare Sole - e gli omaggi a pellicole come "Il laureato" ed "Il settimo sigillo".
Brillante e divertente, insomma non aspettatevi la solita storia romantica.


Regia: Marc Webb
Anno d'uscita: 2009
Durata: 95 min.

Frasi: 

- Non c'è giorno che tu non mi renda fiero... ma oggi te lo dovevo scrivere.

Summer:
- Se non altro, siamo d'accordo sul fatto che non siamo d'accordo."


Tom:
- Io non voglio dimenticarla, la rivoglio con me.

Tom:
- Posso dire la mia sul gatto? Ecco, è davvero, oh Ronda niente di personale, sia ben chiaro, ma è davvero una stronzata. "Non avere esitazioni", "Ce la puoi fare": non è incoraggiamento, è istigazione al suicidio.
Se Puzzola si buttasse senza esitare sarebbe un gatto morto. Sono tutte bugie, siamo dei bugiardi.
Perché la gente compra i nostri prodotti? Non perché vuole dire quello che prova, ciò che la spinge a comprarli è che non riesce a dire quello che prova o ha timore di farlo.
Il nostro lavoro consiste nel toglierla dall'imbarazzo; ma io vi dico che è ora di dire basta. Guardiamo l'America negli occhi o almeno lasciamo che si esprima con parole sue. Ci state? Insomma, guardate. "Congratulazioni ai neo genitori", perfetto, e se fosse "Congratulazione ai neo sepolti vivi, addio bisbocce, per voi è finita"?
Prendiamo questo, con tanti cuoricini, so già dove vuole andare a parere, sì: "Un buon San Valentino dal tuo principe azzurro... con infinito amore". Ditemi voi se non è un imbroglio. Ecco di cosa parlo. Non sapete nemmeno che significhi amore. Tu lo sai? e tu? e tu? ... se qualcuno mi mandasse questo glielo farei ingoiare. Sono questi cartoncini, le canzoni, il cinema ad alimentare la grande bugia, a spezzare il cuore alla gente e noi ne siamo responsabili, io sicuramente.

Facciamo un lavoro sporco: noi impediamo alla gente di dire quello che prova, quello che prova davvero, non gli sciocchi stereotipi che qualche furbastro gli ha messo in bocca. Parole come ad esempio "amore" che non significano niente.


Trailer:




Curiosità:

- Il film che Tom, dopo essere stato lasciato, vede al cinema è un rifacimento con lui stesso di scene tratte da L'uomo che prende gli schiaffi, Persona e Il settimo sigillo di Bergman.

- Quando Tom esce di casa dopo aver fatto l'amore con Sole, come suo riflesso su un finestrino appare il volto di Ian Solo, riferimento a Star Wars.

- Durante la coreografia di danza in stile "musical" appare un uccellino fatto a cartone animato, riferimento a Mary Poppins e alla fine della coreografia Tom fa una posa tipica di Beep Beep. 

- Quando Tom, deluso dalla storia con Sole, entra in supermercato per comprare whisky e snack è vestito come Drugo, protagonista de Il Grande Lebowski: viene citata la scena iniziale del film dei fratelli Coen dove Drugo è in un supermercato a comprare gli ingredienti per preparare un White russian vestito in vestaglia e ciabatte.