martedì 28 gennaio 2014

Dallas Buyers Club


Texas, fine anni '80. Ron Woodroof (Matthew McConaughey) è un cowboy omofobo e tossicodipendente a cui diagnosticano l'HIV e 30 giorni di vita. 
Inizialmente incredulo e rabbioso, non crede di essere realmente sieropositivo, ma in seguito ad una ricerca sulla trasmissione del virus è costretto a rassegnarsi alla sua condizione.
Non c'è ancora una cura efficace e i medici non vogliono dargli l'AZT, farmaco in sperimentazione.
In ospedale incontra Rayon (Jared Leto), transessuale malato anch'egli di HIV che sta facendo da cavia per la sperimentazione dell'AZT e la dottoressa Eve Sacks (Jennifer Garner).
L'ignoranza del tempo intorno alla genesi della malattia, fa sì che i suoi amici lo emarginino, tacciandolo di omosessualità.  
Senza perdere la speranza, cerca l'AZT in Messico, ma il medico a cui si rivolge lo cura con vitamine e proteine non approvate negli Stati Uniti, mostrandogli la tossicità dell'AZT.
Rimessosi in forze, decide di esportare negli USA le cure alternative e, con Rayon fonda il Dallas Buyers Club, una società in cui i partecipanti, dietro pagamento di una quota, possono accedere ai medicinali che importa da tutto il mondo. 
L'intento squisitamente lucrativo che lo muove all'inizio perde forza: il consolidarsi dell'amicizia con Rayon e il contatto con gli altri malati lo portano a fare di tutto, anche vendere i propri beni, per aiutare i suoi "pazienti".
Ma il primario del reparto in cui si sperimenta l'AZT, vedendo diminuire il numero di pazienti, allontanatisi per entrare nel Club di Woodroof, allerta le autorità per ostacolarlo.
Woodroof, oltre al cammino interiore verso il superamento dei suoi pregiudizi, inizia una battaglia contro l'FDA (l'ente governativo che si occupa della regolamentazione dei farmaci) e le case farmaceutiche per la liberalizzazione delle cure alternative, cercando di portare dalla sua la dottoressa Sacks perché non permetta che i malati dell'ospedale vengano sottoposti alle dosi tossiche di AZT, nel frattempo approvato.


Matthew McConaughey è sorprendente, con il corpo scavato e la recitazione da lacrima riesce perfettamente nella trasformazione da belloccio della commedia romantica a malato terminale, cogliendo tutte le sfumature dell'evoluzione di questo personaggio così controverso.
Dallo stare chiuso nel suo mondo di rude e ignorante cowboy, fatto di alcool, droghe e rodei, all'aprirsi in una lotta mondiale per i diritti fondamentali dell'individuo contro il Governo e le cause farmaceutiche che impediscono ai malati di curarsi come vogliono.

lunedì 20 gennaio 2014

Box Office ITA/USA 17-19 gennaio 2014

USA

1 Ride along


Incasso weekend: 41.200.000 $

Incasso totale: 41.200.000 $


1 settimana






2 Lone survivor

Incasso weekend: 23.200.000 $

Incasso totale: 74.000.000$

4 settimana






3 The nut job

Incasso weekend: 20.600.000 $

Incasso totale: 20.600.000 $

1 settimana






4 Jack Ryan: l'iniziazione

Incasso weekend: 17.200.000 $

Incasso totale: 17.200.000 $

1 settimana





5 Frozen

Incasso weekend: 12.000.000 $

Incasso totale: 333.000.000 $

9 settimana






6 American Hustle

Incasso weekend: 10.600.000 $

Incasso totale: 116.000.000 $

6 settimana







7  La stirpe del male

Incasso weekend: 8.500.000 $

Incasso totale: 8.500.000 $

1 settimana






8 I segreti di Osage County

Incasso weekend: 7.590.000 $

Incasso totale: 18.200.000 $

4 settimana






9 The Wolf of Wall Street

Incasso weekend: 7.500.000 $

Incasso totale: 90.300.000 $

4 settimana







10 Saving Mr. Banks

Incasso weekend: 4.150.000 $

Incasso totale: 75.400.000 $

4 settimana





ITALIA


1 The Counselor


Incasso weekend: 1.704.332 

Incasso totale: 1.704.332

1 settimana







2 Il capitale umano

Incasso weekend: 1.470. 071 

Incasso totale: 3.555.606

2 settimana






3 Peppa, vacanze al sole e altre storie

Incasso weekend: 1.323.896 

Incasso totale: 2.694.896

2 settimana






4 Un boss in salotto

Incasso weekend: 1.310.891 

Incasso totale: 11.002.473

2 settimane





5 Angry Games: la ragazza con l'uccello di fuoco

Incasso weekend: 890.914

Incasso totale: 890.914

1 settimana







6 The Butler: un maggiordomo alla casa bianca

Incasso weekend:  785.864

Incasso totale:  4.110.795

2 settimana







7 Lo sguardo di Satana - Carrie

Incasso weekend:   695.769

Incasso totale: 695.769

1 settimana






8 American Hustle

Incasso weekend: 640.458

Incasso totale: 4.130.615

2 settimana





9 Frozen

Incasso weekend: 585.388

Incasso totale: 18.531.676

4 settimane





10 Sapore di te

Incasso weekend: 488.337

Incasso totale: 1.682.060

2 settimana

giovedì 16 gennaio 2014

Nomination Oscar 2014


In attesa della grande notte degli Oscar 2014 che si terrà il 2 marzo al Dolby Theatre di Los Angeles, ecco a voi trepidanti cinefili le nomination rilasciate dall'Academy!
American Hustle e Gravity guadagnano 10 nomination, seguiti da 12 anni schiavo che ne ha 9.
Come previsto, La Grande Bellezza in lizza come il miglior film straniero, ce la farà?


BEST PICTURE
12 Years a Slave
American Hustle
Captain Phillips
Dallas Buyers Club
Gravity
Her
Nebraska

Philomena
The Wolf of Wall Street
BEST DIRECTOR
David O. Russell, American Hustle
Alfonso Cuaron, Gravity
Alexander Payne, Nebraska
Steve McQueen, 12 Years a Slave
Martin Scorsese, The Wolf of Wall Street
BEST ACTOR
Christian Bale, American Hustle
Bruce Dern, Nebraska
Leonardo DiCaprio, The Wolf of Wall Street
Chiwetel Ejiofor, 12 Years a Slave
Matthew McConaughey, Dallas Buyers Club
BEST ACTRESS
Amy Adams, American Hustle
Cate Blanchett, Blue Jasmine
Sandra Bullock, Gravity
Judi Dench, Philomena
Meryl Streep, August: Osage County

BEST SUPPORTING ACTRESS
Lupita Nyong’o, 12 Years a Slave
Jennifer Lawrence, American Hustle
June Squibb, Nebraska
Julia Roberts, August: Osage County
Sally Hawkins, Blue Jasmine
BEST SUPPORTING ACTOR
Barkhad Abdi, Captain Phillips
Bradley Cooper, American Hustle
Michael Fassbender, 12 Years a Slave
Jonah Hill, The Wolf of Wall Street
Jared Leto, Dallas Buyers Club
BEST FOREIGN LANGUAGE FILM
The Broken Circle Breakdown - Belgium
The Great Beauty - Italy
The Hunt - Denmark
The Missing Picture - Cambodia
Omar - Palestine



BEST ORIGINAL SCREENPLAY
American Hustle – Written by Eric Warren Singer and David O. Russell
Blue Jasmine – Written by Woody Allen
Her – Written by Spike Jonze
Nebraska – Written by Bob Nelson
Dallas Buyers Club – Written by Craig Borten & Melisa Wallack
BEST ADAPTED SCREENPLAY
Before Midnight – Written by Richard Linklater, Julie Delpy, Ethan Hawke
Captain Phillips – Screenplay by Billy Ray
Philomena – Screenplay by Steve Coogan and Jeff Pope
12 Years a Slave – Screenplay by John Ridley
The Wolf of Wall Street – Screenplay by Terence Winter

BEST ANIMATED FILM
The Croods
Despicable Me 2
Ernest & Celestine
Frozen
The Wind Rises
BEST CINEMATOGRAPHY
The Grandmaster
Gravity
Inside Llewyn Davis
Nebraska
Prisoners
BEST COSTUME DESIGN
Michael Wilkinson, American Hustle
William Chang Suk Ping, The Grandmaster
Catherine Martin, The Great Gatsby
Michael O’Connor, The Invisible Woman
Patricia Norris, 12 Years a Slave
BEST DOCUMENTARY FEATURE
The Act of Killing - Joshua Oppenheimer and Signe Byrge Sørensen
Cutie and the Boxer - Zachary Heinzerling and Lydia Dean Pilcher
Dirty Wars - Richard Rowley and Jeremy Scahill
The Square - Jehane Noujaim and Karim Amer
20 Feet from Stardom - Nominees to be determined
BEST DOCUMENTARY SHORT SUBJECT
CaveDigger - Jeffrey Karoff
Facing Fear - Jason Cohen
Karama Has No Walls - Sara Ishaq
The Lady in Number 6: Music Saved My Life - Malcolm Clarke and Nicholas Reed
Prison Terminal: The Last Days of Private Jack Hall - Edgar Barens
BEST FILM EDITING
American Hustle - Jay Cassidy, Crispin Struthers and Alan Baumgarten
Captain Phillips - Christopher Rouse
Dallas Buyers Club - John Mac McMurphy and Martin Pensa
Gravity - Alfonso Cuarón and Mark Sanger
12 Years a Slave - Joe Walker
BEST MAKEUP AND HAIRSTYLING
Dallas Buyers Club - Adruitha Lee and Robin Mathews
Jackass Presents: Bad Grandpa - Stephen Prouty
The Lone Ranger - Joel Harlow and Gloria Pasqua-Casny
BEST ORIGINAL SCORE
John Williams, The Book Thief
Steven Price, Gravity
William Butler and Owen Pallett, Her
Alexandre Desplat, Philomena
Thomas Newman, Saving Mr. Banks
BEST ORIGINAL SONG
Alone Yet Not Alone” from “Alone Yet Not Alone”
Music by Bruce Broughton; Lyric by Dennis Spiegel
Happy” from “Despicable Me 2”
Music and Lyric by Pharrell Williams
Let It Go” from “Frozen”
Music and Lyric by Kristen Anderson-Lopez and Robert Lopez
The Moon Song” from “Her”
Music by Karen O; Lyric by Karen O and Spike Jonze
Ordinary Love” from “Mandela: Long Walk to Freedom”
Music by Paul Hewson, Dave Evans, Adam Clayton and Larry Mullen; Lyric by Paul Hewson
BEST PRODUCTION DESIGN
American Hustle
Production Design: Judy Becker; Set Decoration: Heather Loeffler
Gravity
Production Design: Andy Nicholson; Set Decoration: Rosie Goodwin and Joanne Woollard
The Great Gatsby
Production Design: Catherine Martin; Set Decoration: Beverley Dunn
Her
Production Design: K.K. Barrett; Set Decoration: Gene Serdena
12 Years a Slave
Production Design: Adam Stockhausen; Set Decoration: Alice Baker
BEST ANIMATED SHORT FILM
Feral - Daniel Sousa and Dan Golden
Get a Horse! - Lauren MacMullan and Dorothy McKim
Mr. Hublot - Laurent Witz and Alexandre Espigares
Possessions - Shuhei Morita
Room on the Broom - Max Lang and Jan Lachauer
BEST LIVE ACTION SHORT FILM
Aquel No Era Yo (That Wasn’t Me)” Esteban Crespo
“Avant Que De Tout Perdre (Just before Losing Everything)” Xavier Legrand and Alexandre Gavras
“Helium” Anders Walter and Kim Magnusson
“Pitääkö Mun Kaikki Hoitaa? (Do I Have to Take Care of Everything?)” Selma Vilhunen and Kirsikka Saari
“The Voorman Problem” Mark Gill and Baldwin Li
BEST SOUND EDITING
All Is Lost” Steve Boeddeker and Richard Hymns
“Captain Phillips” Oliver Tarney
“Gravity” Glenn Freemantle
“The Hobbit: The Desolation of Smaug” Brent Burge
“Lone Survivor” Wylie Stateman
BEST SOUND MIXING
Captain Phillips” Chris Burdon, Mark Taylor, Mike Prestwood Smith and Chris Munro
“Gravity” Skip Lievsay, Niv Adiri, Christopher Benstead and Chris Munro
“The Hobbit: The Desolation of Smaug” Christopher Boyes, Michael Hedges, Michael Semanick and Tony Johnson
“Inside Llewyn Davis” Skip Lievsay, Greg Orloff and Peter F. Kurland
“Lone Survivor” Andy Koyama, Beau Borders and David Brownlow
BEST VISUAL EFFECTS
Gravity - Tim Webber, Chris Lawrence, Dave Shirk and Neil Corbould
The Hobbit: The Desolation of Smaug - Joe Letteri, Eric Saindon, David Clayton and Eric Reynolds
Iron Man 3 - Christopher Townsend, Guy Williams, Erik Nash and Dan Sudick
The Lone Ranger - Tim Alexander, Gary Brozenich, Edson Williams and John Frazier
Star Trek Into Darkness - Roger Guyett, Patrick Tubach, Ben Grossmann and Burt Dalton
Annuncio nomination Oscar 2014:



mercoledì 15 gennaio 2014

Cloud Atlas

La fede, come la paura o l’amore, è una forza che va compresa come noi comprendiamo la teoria della relatività, il principio di indeterminazione, fenomeni che stabiliscono il corso della nostra vita.

Ieri la mia vita andava in una direzione, oggi va verso un’altra, ieri credevo che non avrei mai fatto quello che ho fatto oggi, queste forze che spesso ricreano tempo e spazio, che possono modellare e alterare chi immaginiamo di essere, cominciano molto prima che nasciamo e continuano dopo che spiriamo. Le nostre vite e le nostre scelte, come traiettorie dei quanti, sono comprese momento per momento, a ogni punto di intersezione, ogni incontro suggerisce una nuova potenziale direzione.

Sei storie, sei epoche diverse, si intersecano in modo parallelo in questo film, con continui rimandi l'una all'altra.
Nel prologo un misterioso anziano chiede di ascoltare attentamente quello che ha da raccontare.
Da qui iniziano ad intrecciarsi e sovrapporsi i racconti:
- del viaggio nel pacifico dell'avvocato Adam Edwing (Jim Sturgess) che salverà e verrà salvato a sua volta dallo schiavo Atua (David Gyasi), ambientato nel 1849;
- del giovane compositore Robert Frobisher (Ben Wishaw), ambientato nel 1930;
- della giornalista Luisa Rey (Halle Berry) che deve venire a capo di un complotto nucleare, ambientato negli anni'70;
- dello sfortunato editore inglese Timothy Cavendish (Jim Broadbent), che organizza la fuga dall'ospizio dove è stato rinchiuso con l'inganno dal fratello, ambientato nel 2012;
- dell'artificio Somni-451 (Doona Bae), una ragazza artificiale creata per servire in un fast food, liberata dal ribelle Hae-Hoo Chang, che scatenerà una rivoluzione, ambientato in una distopica Neo Seul del 2130;
- di Zachary (Tom Hanks) in lotta con le visioni del suo demone interiore, il Vecchio George (Hugo Weaving), ambientato in un imprecisato futuro dove l'umanità è ridotta all'età della pietra;
Nell'epilogo torna l'anziano del prologo, facendo questa volta comprendere allo spettatore la sua identità e svelando la fine della storia.


Tom Tykwer e i fratelli Wachowski mettono in scena un'opera visionaria e monumentale, tratta dall'omonimo libro di David Mitchell, che vuole rappresentare come tutta la storia dell'umanità sia connessa.
Ogni vita è legata alla sua vita passata e a quella futura, ogni atto di gentilezza o di crudeltà determina quello che saremo dopo, come evolverà la storia. Quello che siamo può cambiare o restare sempre uguale nel tempo, possiamo essere prima assassini e poi salvatori e viceversa, dipende dalla nostra volontà di cambiare.
Gli stessi attori, (interpretazioni straordinarie) talvolta truccati in modo irriconoscibile, interpretano un personaggio diverso in ogni storia, legati da un sottile filo rosso e ogni storia, a sua volta, è legata alla precedente e alla successiva.
Inoltre, il film può essere suddiviso in diversi temi, come la verità, l'amore, l'aiuto, di cui iniziano parallelamente a parlare tutte le storie sovrapponendosi e alternandosi, come se una completasse l'altra.

mercoledì 8 gennaio 2014

Vita di Pi



Dopo la breve pausa natalizia inauguriamo il 2014 con questo spettacolare film.

Uno scrittore canadese (Rafe Spall nelle vesti di Yann Martel), in cerca d'ispirazione, si presenta a casa di Pi (Irrfan Khan) per farsi raccontare la sua storia, la "storia che lo porterà più vicino a Dio".
Piscine Molitor Patel, detto Pi (Ayush Tandon), è il figlio minore del proprietario dello zoo di Pondicherry, la parte francese dell'India.

Incuriosito dalla figura di Dio, con padre ateo e madre induista, decide di seguire tutte le religioni che vede praticare nel suo Paese: induismo, cattolicesimo e islamismo.
Passa le sue giornate tra preghiere, letture e visite allo zoo, dove l'animale che più cattura la sua attenzione è la maestosa tigre del Bengala Richard Parker.
Un giorno il padre, quando Pi è ormai adolescente (Suraj Sharma), a causa delle difficoltà economiche, annuncia la necessità di trasferirsi in Canada a cercare lavoro e così tutta la famiglia si imbarca su una nave giapponese per attraversare il Pacifico.
Durante una tempesta, Pi, svegliato da un rumore si reca sul ponte e assiste all'inaspettato naufragio dell'imbarcazione e alla morte dei suoi passeggeri.
Si ritroverà ad affrontare l'Oceano su una scialuppa insieme ad una zebra ferita, una iena, l'orango Orangejuice e Richard Parker.


Come scrive Yann Martel, nella prefazione del libro, a cui si ispira il film: "Sta a ciascun lettore decidere di cosa parla la Vita di Pi".
Già il nome del protagonista è indice del simbolismo e della simmetria presenti nel film: Piscine Molitor Patel è il nome di una piscina parigina dove l'acqua è così limpida che purifica l'anima, tuttavia per i bambini della sua scuola, quel nome non è altro che un divertente appellativo dileggiatorio finché Pi non fa credere a tutti che il suo soprannome derivi dal trascendentale PI greco.
Pi è un ragazzo curioso, si fa continue domande, non è mai sazio, questa sua spinta a sapere, conoscere lo porta fuori dalla sua cuccetta e lo salva.
Di fronte a noi si aprono immagini che ci spingono a contemplare l'infinito con occhi sgranati: una natura senza pietà, un oceano che scatena tutta al sua forza insieme al cielo, una balena che si libra in aria e piomba acrobaticamente in acqua travolgendo ogni cosa, meduse luminescenti che accendono la notte, pesci volanti, un isola che nottetempo diventa carnivora. Il tutto prefigurato da elementi chiave sparsi nella prima parte del film.
Pi, solo, circondato da una distesa d'acqua infinita, popolata da affascinanti e temibili creature, per poter sopravvivere, deve mettere in discussione sé stesso e le sue convinzioni.
Pi è l'uomo di fronte ai suoi più atavici quesiti e alla sua sfida più grande: la fede.
La fede in Dio, la fede in se stessi, la fede in quel qualcosa a cui aggrapparsi per andare avanti.
Ang Lee, attraverso immagini di una bellezza che toglie il fiato, ci trasporta, su di una scialuppa, attraverso un viaggio spirituale in cui l'uomo-Pi indaga il suo rapporto con Dio, con la natura, con gli animali e con se stesso.
La vita di Pi, come la vita di ognuno di noi, può essere un dramma o una storia fantastica, dipende da come vogliamo/scegliamo di vederla.
Lasciamo la realtà così com'è o abbiamo bisogno di plasmarla per essere in grado di conviverci ed essere felici?

Pi racconta per tutta la durata del film la sua versione del dramma vissuto e poi, in una manciata di minuti, una storia più realistica ma molto cruda e meno incantata.
Richard Parker è la feroce e magnifica tigre con cui Pi deve combattere e allo stesso tempo curare per rimanere vivo, che non volge nemmeno la testa in congedo quando si allontana da lui, o è l'alter ego che il protagonista si è creato per superare il viaggio e continuare a vivere da adulto?
La scelta è rimessa a noi.
Più che meritati i quattro Oscar: miglior regia, miglior fotografia, miglior colonna sonora, miglior effetti speciali.


Trailer:



Frasi del film:

- In una parola il mio nome andò da un'elegante piscina francese a quello di una puzzolente latrina indiana dove facevo pipì ogni giorno.

- Grazie Vishnu, per avermi fatto conoscere Cristo.

- Quando guardi nei suoi occhi la sola cosa che puoi riuscire a vedere è lo specchio delle tue emozioni.

- La vita è fatta di separazioni ma la cosa più dolorosa è non avere l'attimo giusto per dirsi addio.

- Sa,mio padre aveva ragione Richard Parker non mi aveva mai visto come un amico,dopo tutto quello che avevamo passato, non si voltò nemmeno,ma io credo che nei suoi occhi ci fosse molto più che il semplice riflesso delle mie emozioni. Lo so,l’ho percepito,anche se non posso provarlo.

- Non ho potuto ringraziare mio padre per tutte le cose che ho imparato,ne dirgli che senza le sue lezioni non sarei mai sopravvissuto. Si, Richard Parker è una tigre, ma avrei tanto voluto dirgli “E’ finita,siamo sopravvissuti,grazie per avermi salvato la vita. Ti voglio bene  Richard Parker sarai sempre dentro il mio cuore.

- Posso farle una domanda?Le ho raccontato due storie su quanto è accaduto in quell’oceano. Nessuna delle due spiega il motivo per cui affondò la nave ,e nessuno può dimostrare quale storia sia vera oppure no. In entrambe le storie la nave è affondata,la mia famiglia è morta e io ho sofferto. Allora quale storia preferisce? -Quella con la tigre. E’ una storia migliore.-La ringrazio,è così anche per Dio