Passa ai contenuti principali

Ricomincio da capo- Il giorno della marmotta

In piedi, campeggiatori, camperisti e campanari! Mettetevi gli scarponi! Oggi fa freddo! Qui fa freddo ogni giorno! Fa freddo! Non siamo mica a Miami Beach, sai? Sì, infatti, tanto è vero che in tarda mattinata dovete aspettarvi un viaggio difficile, perché… c’è una bufera in arrivo! Una bufera in arrivo? Già! Aspetta un momento che leggo le previsioni… Dunque… il servizio meteorologico nazionale prevede… Una grossa bufera in arrivo! E’ vero! Ad ogni modo c’è un altro motivo che rende questa giornata particolarmente… particolarmente fredda… sì, fredda ma emozionante! La grande domanda sulle labbra di tutti… Sulle labbra screpolate… E va bene: quando Phil la marmotta verrà fuori, vedrà la sua ombra? Punxsutawney Phil! In gamba, marmottini e marmottoni, oggi è: il giorno della marmotta!

Il natale non è ancora finito e, di conseguenza, si ripetono quelle cristallizzate tradizioni natalizie fatte di tombole, abbuffate e regali da scartare.
Ad accompagnare questi immancabili riti, c'è sempre quel lontano brusio proveniente dal televisore lasciato acceso e, potete star certi, che dalla sera della vigilia in poi, i probabili film che vedrete saranno tre: Una poltrona per due, Ricomincio da capo e (in seconda serata) Babbo bastardo.

Personalmente, il mio preferito è "Il giorno della marmotta", film datato 1993 che all'epoca, rilanciò la carriera del mitico Bill Murray.

La storia la sappiamo tutti, ma è sempre meglio ricordarla: Phil Connors è un cinico e disilluso meteorologo televisivo, che ogni anno viene spedito dal telegiornale per il quale lavora, per il reportage sul "Giorno della marmotta". 




Per essere pignoli, meglio spiegare in cosa consiste questa festa: la tradizione vuole che in questo giorno si debba osservare il rifugio di una marmotta

Se questa emerge e non riesce a vedere la sua ombra perché il tempo è nuvoloso, l'inverno finirà a breve; se invece vede la sua ombra perché è una bella giornata, si spaventerà e tornerà nella sua tana, e l'inverno continuerà per altre sei settimane.

Alla fine del servizio, Phil ed i suoi collaboratori, sono costretti a rimanere nella piccola cittadina, poichè una tormenta di neve impedisce il normale transito delle auto.
Il giorno seguente, Phil si alza ormai pronto per partire ma, una iniziale serie di eventi gli fanno capire che c'è qualcosa che non quadra.
Alla fine, quelle che sembrano una serie di coincidenze, diventano una certezza: Phil è costretto a rivivere, giorno dopo giorno, il "giorno della marmotta".
Sconvolto, cerca di uscire da questo tunnel, ma successivamente prenderà coscienza di questa opportunità, sfruttandola a suo favore.

Inizialmente, utilizza la sua condizione per sfondarsi di cibo, fare facili conquiste e schiaffeggiare l'odiato compagno di scuola ritrovato.
L'unica a non cedere al suo fascino è proprio la sua collega di lavoro, Rita, che si dimostra sempre tenace nel dargli due di picche.
A questo punto inizia a crollare in una spirale di depressione, ma neanche il suicidio riesce a spezzare l'incantesimo.
Rivivere sempre lo stesso giorno, lo porta ad interessarsi non più solo a se stesso, ma anche alla vita degli altri, finché accade qualcosa di inaspettato...inizia a rispettare gli altri, ad aiutarli e a provare un reale sentimento per Rita.

Phil nel tentativo di riprendersi la propria vita e di far innamorare di sé la collega, da vita a gag davvero esilaranti, come il rapimento della marmotta che egli crede causa dei suoi mali.
Il tutto condito da una colonna sonora-insopportabile tormentone per il protagonista che ogni mattina viene svegliato da "I've got you babe".

Trailer:



Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…