Passa ai contenuti principali

Gone girl - L'amore bugiardo

"Quando penso a mia moglie, penso sempre alla sua testa. Immagino di aprirle quel cranio perfetto e srotolarle il cervello in cerca di risposte alle domande principali di ogni matrimonio. 
A cosa pensi? Come ti senti? Cosa ci siamo fatti?"



Recensire l'ultima fatica di David Fincher è davvero difficile, sopratutto considerando i capovolgimenti che si susseguono nel corso del film.
Già la frase di apertura ci spiazza.
C'è qualcosa che stride con la bellezza delle immagini che stiamo guardando. 
Un marito amorevole che accarezza la testa della bellissima moglie appena sveglia. Una voce calda che sembra abbracciarci irrompendo nella stanza. E invece distrugge la perfezione del momento con qualcosa che ci turba dall'interno.
C'è odio più che amore.
E Fincher ci dice subito che qualcosa non va.
Nick Dunne (Ben Afflek) è al bar della gemella, è il quinto anniversario di matrimonio con Amy(Rosamund Pike). 
Lei avrà di nuovo inventato qualcosa per farlo uscire di testa, un'altra caccia al tesoro che lui non riuscirà a finire provocando l'ira della moglie.

Ma quando torna a casa, lei non c'è.

Denuncia la scomparsa alla polizia.
Gli agenti vogliono vederci chiaro, chi è lui, chi è lei? come passa le giornate sue moglie? Cosa ha fatto a sua moglie?
Cosa significa una busta con scritto "Clue one" nel cassetto delle mutande?
(vi dice niente Seven?)
Gli indizi che Amy lascia per il rito dell'anniversario ci fanno scendere nella vita della coppia. 
Ci portano nello studio di Nick, ora è un professore, alle mutandine di una studentessa, alla vecchia casa di suo padre, dove trovano un diario bruciato.
È il diario di Amy. Il filo narrativo si sdoppia.
La sua voce ci narra come si sono conosciuti a New York ad una festa, entrambi giornalisti, come sia rimasta impressionata da quell'uomo diverso dagli altri che prima di baciarla le ha scostato con dolcezza dal labbro la farina che volava fuori da una pasticceria.
Amy, la strafiga, l'inarrivabile, ma sempre dietro alla Mitica Amy, personaggio della serie di libri che ha fatto la fortuna dei suoi genitori.
Le carriere di Nick e Amy falliscono, la madre di Nick si ammala, per starle vicino si trasferiscono nella piccola cittadina che ha dato i natali a Nick.


Iniziano ad emergere le crepe della perfetta storia dei perfetti Nick e Amy.
Le loro fragilità e incomprensioni, di pari passo con le indagini della polizia che stringono sempre più il cappio intorno al collo di Nick.
Il tutto aumentato dalla crescente psicosi dei media.

Fincher ci fa precipitare in un turbine di eventi, in un crescendo di suspense. Ci gira e rigira a suo piacimento. Ormai siamo convinti di sapere quello che è accaduto e il momento dopo il quadro è cambiato, la situazione si capovolge. Siamo smarriti di nuovo.
I paradigmi dei protagonisti scoppiano poco a poco sullo schermo e ne svelano la duplicità: Amy, la moglie innamorata, la stronza coi soldi, ingabbiata nel modello perfetto di se stessa, costretta a riproporsi sempre uguale, sempre perfetta per accontentare tutti quelli che l'hanno sempre vista e voluta così; Nick, il brav'uomo, il fedifrago, il fallito senza un soldo, sempre sottomesso dalle donne della sua vita (Amy, la sorella) che lo giudicano e lo guardano dall'alto in basso, inetto, incapace di prendere il controllo della situazione. 

Finché....

Finché la matassa non si sbroglia e riaccartoccia su se stessa.

E il regista è abilissimo nel farlo.
Un thriller hitchcockiano (impossibile non pensare a Vertigo) ben confezionato, con toni che scivolano nel grottesco.
E ci lasciano senza fiato.
Un continuum con gli altri film del registra che, come con Millennium e Fight Club prende un romanzo (lì erano Uomini che odiano le donne di Stieg Larsson e Fight Club di Chuck Palahniuk; qui L'amore bugiardo di Gillian Flynn) e lo piega alle sue venature stilistiche. 
Il ruolo di Nick calza alla perfezione a Ben Afflek, apprezzabile nella sua inespressività.
Rosamund Pike regge benissimo la mutevole Amy, tanto da guadagnarsi la prima candidatura all'Oscar.
Nel cast, nel ruolo dell'inquietante ex di Amy, anche Neil Patrick Harris, il Barney Stinson di How I met your mother, nonché futuro presentatore della notte degli Oscar 2015.

Trailer:






Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…