Passa ai contenuti principali

Birdman (o l'imprevedibile virtù dell'ignoranza)- La lotta di una star decaduta con il suo super Io irrazionale.



Riggan Thompson è una star in declino.
Gli anni novanta e la trilogia del supereroe Birdman sono ormai lontani, dimenticati dai più, ma non da Riggan.
Cerca allora, ormai sessantenne, il grande rilancio, passando però dalla porta di servizio: vuole mettere in scena a Broadway uno spettacolo teatrale basato sul libro "What We Talk About When We Talk About Love" di Raymond Carver.

L'eterno scontro tra box office e film di qualità, cinema e teatro, fama e virtù si palesa nella sua quotidiana lotta con la sua metà e super Io irrazionale, rappresentata da Birdman stesso: "Come accidenti ci siamo finti qui? In questa fogna. Eri una star del cinema, ricordi?".
A collaborare con lui, in questa apparentemente folle impresa, c'è anche il talentuoso Mike Shiner (Edward Norton) che, al contrario di Riggan, è un attore ben più versatile ed esuberante, disinteressato nei confronti della celebrità esasperata ("La popolarità è la cuginetta zoccola del prestigio") e pronto a scoppiare in scatti d'ira fuori copione per dare il più esasperato se stesso sul palco.
Per Riggan è anche il momento di recuperare, seppur in maniera apatica, il rapporto con la figlia Sam (Emma Stone), ex tossicodipendente e ben poco fiduciosa delle virtù paterne.

A voler distruggere questo già fragile equilibrio c'è anche la critica del Time, Tabitha Dickinson, che sembra ben intenzionata a far fallire lo spettacolo di Riggan già alla prima teatrale, partendo dal pregiudizio che "Thompson è una celebrità, non un attore".
Tra prove teatrali e la prima imminente, l'alter ego Birdman si palesa sempre di più nella realtà di Riggan cercando di prendere il sopravvento.
Quella vocina nella testa gli sussurra di tornare ad essere quello che è sempre stato, Birdman, al suo vero e sincero io, quel prodotto mainstream senza nulla di artistico, ridare al suo pubblico la merda che vuole vedere: esplosioni, palazzi distrutti, uccelli meccanici, aerei che si schiantano al suolo tra fiamme e grida, insomma..Birdman 4!
La sua personalità si scompone sempre più con l'avvicinarsi della prima, il momento in cui dovrà confrontarsi con l'assillante dubbio di non aver mai avuto talento, di essere solo una ex macchina da soldi, sostituita dal nuovo supereroe di turno ("quell'eroe di latta di Ironman!").
Le allucinazioni lo accompagnano per i cunicoli del teatro (o in volo su New York), i suoi passi scanditi dal rullo incessante di una batteria, per esplodere nel delirio finale.
La camera non esce quasi mai dal Saint James Theatre, si muove tra soggettive illuminate da una luce soffusa e sconnessa come la psiche del protagonista.



Birdman è una delle pellicole migliori dell'anno: in bilico tra farsesco e sorprendente, ironico nella sua drammaticità, divertente e soprattutto diverso. 
Michael Keaton è il protagonista perfetto, probabilmente non è un caso che sia stato scelto da Inarritu, considerando che lui stesso negli anni '90 ha interpretato il ruolo di Batman, per poi finire in ruoli e film ben più marginali.
Questo ruolo cucito sui suoi ex panni da supereroe gli ha strappato la sua migliore interpretazione e una candidatura agli Oscars. 
Impagabile Edward Norton, in uno dei suoi ruoli più accattivanti.

Film protagonista degli Oscar 2015, capace di aggiudicarsi ben 4 Oscar: Miglior film, miglior regia, migliore sceneggiatura originale e fotografia.


TRAILER:





Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…