Passa ai contenuti principali

Il racconto dei racconti

"C’erano una volta, tre regni vicini e senza tempo, dove vivevano, nei loro castelli, re e regine, principi e principesse con le loro corti. Ci sono un re libertino e dissoluto, una principessa data in sposa ad un orribile orco, una regina ossessionata dal desiderio di un figlio."



Liberamente tratto dalle fiabe scritte da Basile, a cavallo tra il  1500 e 1600, "Il racconto dei racconti" si dirama in tre diverse storie. 
La prima fiaba ci parla di una regina triste, a causa di quel figlio che non riesce a concepire, per il quale è disposta a tutto, proprio a tutto .
Una volta esaudito il suo desiderio più intenso, si comporterà in maniera apprensiva e maniacale nei confronti di quel figlio tanto desiderato; le conseguenze saranno nefaste.

Nella seconda, un sovrano erotomane viene conquistato dalla voce leggiadra di colei che crede una fanciulla nel pieno della gioventù, ma che in realtà è una vecchia tanto sciatta e cadente quanto lussuriosa, che grazie ad un incantesimo riacquista gioventù e bellezza 
(scatenando analogo desiderio nella sorella). 


Nell'ultima fiaba, un re rivolge le sue attenzioni più ad una pulce (che assumerà dimensioni surreali) che all'unica figlia e, alla morte dell'animale, per paura di rimanere solo, pressato dalla figlia che vuole andare in sposa ad un giovane principe, stabilisce che avrà diritto a sposare la principessa colui che saprà rispondere ad una domanda ai limiti dell'impossibile.


Tra draghi marini, cuori pulsanti, animali ammaestrati, artisti circensi, cavi tesi sul vuoto...e ancora il bianco della purezza, il rosso dei sentimenti più violenti, il nero dei presagi più oscuri prende vita il nuovo film di Garrone. 
Il regista ha il grande pregio di rivoluzionare il genere fantasy, meno folgorante da un punto di vista visivo ma dai contenuti ben più profondi e complessi.
Il film, a differenza dei comuni fantasy dinamici e scorrevoli, è anche piuttosto statico e a tratti lento , il che esclude una ampia fetta di pubblico appassionata del genere.
La complessità del film è anche figlia della stessa opera "Lu cuntu de li cunti" di Basile, libro di estrazione barocca e come tale, molto ingombrante e di difficile comprensione, destinato all'epoca per un pubblico di estrazione intellettuale e borghese.


Garrone, quindi, non tradisce lo spirito originario dell'opera, confezionando un film molto complesso e che, probabilmente, farà storcere il naso ai puristi del genere fantasy.
Personalmente, non avendo i preconcetti di chi è appassionato del genere, ho trovato il film veramente valido e ben costruito; lodevole anche il ricorso pressochè nullo alla computer grafica a favore di una costruzione quasi artigianale degli effetti speciali.

Da vedere!

TRAILER:





Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…