Passa ai contenuti principali

Donnie Darko



Esistono film capaci di ridimensionare – cinematograficamente parlando - tutto quello che fino al momento dell’illuminazione si credeva fosse “bello”.
Donnie Darko è uno di questi titoli spartiacque, uno strano oggetto da avvicinare con cautela che potrebbe lasciarvi stregati come del tutto indifferenti e che ha atteso ben tre anni dalla sua produzione per avere una distribuzione italiana. Il film di Richard Kelly è un gioiello multiforme colmo di sfaccettature ed interpretabile su innumerevoli piani di lettura, una di quelle rare perle capaci di coinvolgere l’animo, l’intelletto e la curiosità dello spettatore creando un mix che annulla qualsiasi difesa ed è in grado – nella sua originalità – di coglierti alla sprovvista fino a toccarti nel profondo, per mezzo – soprattutto - di una storia ricchissima di spunti per interminabili discussioni.

Donnie Darko è  “cosa sarebbe stato ‘American Pie’ se David Lynch avesse preso in ostaggio il cast e la troupe”.
La sceneggiatura è – in una parola – perfetta. Tutto combacia, nulla è superfluo. Non una parola di troppo né una di meno. Il film è costantemente immerso in un’atmosfera surreale e in una squisita ambiguità, ma la comprensibilità del tutto non viene mai compromessa ed è ottenuta in maniera intelligente e affatto didascalica. Se alla fine del film rimarrete ammutoliti non sarà certo per lo sbigottimento provocato dal solito finale volutamente e forzatamente criptico, che sembra andare tanto di moda tra le nuove leve: l’assenza di parole sarà dovuta alla complessità del commento che sarete chiamati a fare in caso vogliate discutere su quanto avete appena visto.

Con Donnie Darko è impossibile cavarsela con un semplice “fico eh?”; chi decidesse di aprire bocca lo farebbe a suo rischio e pericolo, e in tal caso dovrebbe assicurarsi di essere disposto a
mettere in piazza i propri sentimenti e ad avere a disposizione ancora un paio d’ore libere. Il film solleva dubbi, affronta tematiche importanti e tocca numerose corde dell’animo umano. L’opera di Richard Kelly fa sorridere, inquieta, commuove, avvince e spaventa. Impossibile relegarlo all’interno di una comoda etichetta.

(Titolo originale:Donnie Darko,anno:2001,genere:fantascienza)

Frasi da incornicare prese dal film:

Donnie a Frank e Frank a Donnie:
"Perchè indossi quello stupido vestito da coniglio? Perchè indossi quello stupido vestito da uomo?"

Nonna Morte :"Ogni creatura della Terra quando muore è sola!"
Donnie :"Ogni essere vivente segue un percorso prestabilito, ma ci sono confini che a volte la vita ti chiede di varcare… io l'ho fatto."


Trailer del film:


Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…