Passa ai contenuti principali

La storia del trofeo cinematografico per eccellenza


La storia del premio oscar ha inizio il 16 maggio del 1929.
La statunitense Academy of Motion Picture Arts and Sciences premia i migliori professionisti del cinema americano della precedente annata 1927-1928: al Roosvelt Hotel di Hoolywood affluiscono duecentocinquanta ospiti che hanno pagato 10 dollari a testa (cifra assolutamente ragguardevole nell'anno, tra l'altro, dello storico crollo della borsa di NewYork). 
Il mattatore della serata è William C.De Mille, sceneggiatore e regista dell'epoca d'oro del film muto.
La statuetta vera e propria, nota universalmente come Oscar - la paternità del nome è controversa: Bette Davis, tra gli altri, sostenne di averlo coniato in onore del suo primo marito, Harman Oscar Nelson jr. - è stata creata nel 1928, da Cedric Gibbon, art director della Metro Goldwyn Mayer.
Inizialmente il numero delle nomination (le candidature per ogni categoria) non aveva un tetto limite. Solo dagli anni '50 il numero tende a stabilizzarsi a 5, soluzione affermatasi definitivamente nell'edizione del 1967. 
Ugualmente agli anni '50 risale la scomparsa della distinzione tra premi riservati a film in bianco e nero e film a colori. 
Tra le categorie più importanti, alla migliore sceneggiatura originale, già nell'annata '30-'31, si affianca l'Oscar per la miglior sceneggiatura non originale; a partire dal '36, oltre che gli attori protagonisti, vengono premiati anche i migliori interpreti non protagonisti.

Nel campo tecnico si assiste a una diversificazione dei premi a seguito dell'avvento del sonoro (tutte le pellicole della prima edizione, ad eccezione de Il cantante di jazz della Warner Bros, erano mute) e del colore. Infatti, nell'edizione '28-'29 compaiono i primi due quadri musicali a colori You were meant for me e Give my regards to Broadway contenute ne The Broadway Melody, primo musical in technicolor a vincere la statuetta come miglior film. 


Nel corso di alcune edizioni si verifica anche un processo inverso, di eliminazione o unificazione di categorie: il premio per "le migliori costruzioni meccaniche", ad esempio, già dalla seconda edizione non e più assegnato, così come nel 1938 viene cancellato quello per la migliore "coreografia"; nel 1957, invece, i singoli premi per la scenografia, i costumi e l'arredamento vengono accorpati in uno.

Altri due importanti riconoscimenti si affermano negli anni (oltre all'Oscar alla carriera): l' "Irving Thalberg Memorial Award", riservato ai produttori cinematografici, e il "Jean Hersholt Award", tributo concesso per particolari meriti umanitari. 
Il "miglior film" della prima edizione è Wings, diretto da William A. Wellman e prodotto dalla Paramount. 
Il record di 11 statuette vinte da un film spetta, fino ad oggi, a Ben Hur e Titanic.
Tra le attrici, Katharine Hepburn è in vetta alla classifica, con 12 nomination e 4 vittorie. 
Mentre, William Wyler detiene il record delle nomination, 12, nella categoria registi (con 3 vittorie). Tra coloro che non hanno mai conquistato l'Oscar figurano invece nomi come Charles Chaplin, Greta Garbo, Stanley Kubrick (2001 Odissea nello spazio vinse solo per gli effetti speciali), Marlene Dietrich e Alfred Hitchcock.


Ecco a voi un video riguardante la storia del premio oscar:



Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…