Passa ai contenuti principali

I migliori dieci film sul mondo del calcio

 Siamo appena reduci dalla vittoria (l'ennesima) sull'Inghilterra.
Per la seconda partita dobbiamo attendere comunque qualche giorno; quale modo migliore per ingannare l'attesa del match?
Ovvio, vedendo i film che orbitano intorno a questo sport .
Ho stilato, quindi, la classifica dei migliori dieci film sul calcio: dai grandi trash anni 80 ad altri film più "ponderati".
Iniziamo!

10) L'ALLENATORE NEL PALLONE

Non stiamo certamente parlano di un capolavoro, ma nel suo genere è ancora capace di farci ridere senza scendere nel ridicolo come il sequel.
Il film ruota attorno ad Oronzo Canà (Lino Banfi), un visionario quanto sprovveduto allenatore, capace di invetarsi schemi tattici più estremi di Zeman.
Tuttavia, è anche uno dei pochi film italiani con giocatori reali (anche se non giocano mai), riferiment e situazioni verosimili.
Farsi due risate non guasta mai!




9) ECCEZZZIUNALE...VERAMENTE

Altro film italiano, sempre degli anni 80 (precisamente dell'82, Italia campione del mondo per la terza volta), sempre dalle tinte squisitamente trash e che ha avuto un sequel non all'altezza del predecessore (realizzato nel 2006, sarà un caso?).


Stiamo parlando di un film ad episodi, tre per la precisione, che vedono per protagonisti uno juventino, un milanista ed un interista , tutti interpretati da un camaleontico Diego Abatantuono (attore capace anche di calarsi in film del calibrio di Mediterraneo, vincitore del premio Oscar come migliore film strraniero). 
Da vedere!


 
8) SHAOLIN SOCCER

Sembra strano, ma proprio i cinesi (che di calcio ne capiscono ben poco) sono riusciti a realizzare una delle migliori parodie su questo tema.


Più che di tiri, contrasti e colpi di testa sembra che stiamo assistendo a mosse di karate degne del miglior Bruce Lee, ma il risultato finale è un piacere per gli occhi dello spettatore.
Non c’è niente di effettivamente veritiero nelle partite dei monaci Shaolin tranne per il fatto che si svolgono su un campo da calcio.
Visionario!
 

7) GOAL

Il film è davvero poca cosa, però è probabilmente il più fedele nel narrare e la vita e l'evoluzione di un calciatore di successo: è infatti una trilogia che parte dagli esordi (nel primo), alla consacrazione
nel grande team (il secondo), fino a giungere nelle nazionali (nel terzo).
Piuttosto realistiche le riprese delle partite mescolate con le immagini di vere partite.
Realistico.






6) BEST

Storia vera (seppur piuttosto romanzata) di uno dei più grandi fenomeni del calcio inglese.

Il vero spettacolo non è offerto  dalle azioni di calcio riprodotte nel film, ma è lodevole come riesca a racchiudere e a farci vivere le atmosfere di un’epoca ormai passata, in cui contava più l'estro e l'imprevidibilità rispetto alla tecnicità e al fisico scultoreo (e tatuato) degli odierni calciatori.  
La locandina del film, ripropone uno dei più famosi aforismi del grande George Best, che rende bene l'idea sul carisma della stella del Manchester United : "Ho speso gran parte dei miei soldi per donne, alcol e automobili.il resto l'ho sperperato."
(D)Istruttivo.



5) SOGNANDO BECKHAM

Il quinto film ci parla di questo mondo visto degli occhi di una giovane ragazza indiana (per renderla più discriminata possibile!) .
I genitori vorrebbero che la figlia Jess fosse classica ragazza indiana: dolce, remissiva e ansiosa di sposarsi e sfornare pargoli. 
Ma la ragazza, cresciuta col mito della star del Manchester United Beckham, vorrebbe soprattutto dedicarsi alla sua più grande passione: giocare a calcio. 
Finché la cosa rimane confinata nell'ambito del parco pubblico non sembrano crearsi problemi. 
Ma quando Jules, giocatrice in una squadra regolare, la vede giocare e la convince ad unirsi al proprio team, le cose cambiano.
Film dignitosissimo e che, probabilmente, non farà annoiare la vostra ragazza.
Femminista!



4) IL MALEDETTO UNITED

La storia vera dei 44 giorni da allenatore del Leeds United di Brian Clough, ex giocatore che da allenatore fece storia con il suo carattere particolare e il suo modo di intendere il calcio giocato.
La carriera di Clough è legata indissolubilmente al suo assistente Peter Taylor con il quale conduce il piccolo club del Derby County dalla seconda divisione ai vertici della Premier League, dove duella con gli odiatissimi rivali del Leeds United (la squadra più forte d’Inghilterra nei primi anni ’70), allenata da Don Revie.
Quest’ultimo è letteralmente odiato da Brian Clough per non avergli stretto la mano al termine di un Derby. 
Quando Revie viene chiamato ad allenare la nazionale inglese, Clough diventa il nuovo manager del Leeds United, deludendo con questa scelta il suo assistente Taylor che si rifiuta di seguirlo in questa nuova avventura. I risultati per Brian Clough saranno disastrosi. Il film è un tuffo nel meraviglioso calcio inglese degli anni ’70, un calcio fatto di passione, romanticismo e cuore più che di soldi. La storia si può definire nostalgica poiché evidenzia le differenze tra il calcio di quegli anni e il calcio moderno divenuto ormai un asettico business.
Sicuramente è uno dei migliori film calcistici in circolazione.
Nostalgico!


3) HOOLIGANS

Siamo giunti ai film che occupano i tre gradini del podio.
Finora abbiamo parlato di film che descrivono il calcio dalla sola prospettiva dei calciatori o dei loro allenatori.
Per rendere la classifica completa non si può non parlare dei tifosi, spesso il dodicesimo uomo  nelle partite più difficili, l'impluso che spinge il giocatore a trovare le energie nei momenti più critici.
Detta così sembra un tantino mielosa la questione, quindi mi sembra il caso di tornare con il culo per terra parlando del film  Hooligans.
Il protagonista è un bravo ragazzo, che nella vità però subisce le prepotenze degli altri senza reagire, viene addirittura cacciato da Harvard con l'accusa di spaccio di cocaina al posto del compagno di stanza.
Decide di trasferirsi da sua sorella a Londra, dove incontra Pitt, e dopo un approccio non proprio semplice, riesce gradualmente ad essere accettato da questo, che lo presenterà ai suoi amici; l'essere uno "yankee" non sarà inizialmente un buon biglietto da visita, ma con varie vicissitudini otterrà la fiducia del gruppo.
Lo yankee imparerà la legge non scritta della strada, conoscerà i valori dell'amicizia, del cameratismo nel senso più apolitico e valido che esista fino a  prendere fiducia in se stesso.
Il film non esalta e non scredita la realtà hooligans, la descrive oggettivamente, sta allo spettatore giudicare.
Ribelle!


2) L'UOMO IN PIU'

Arrivati al secondo film, direi che è giunto il momento di alzare notevolmente l'asticella; va premesso che, probabilmente, il film meriterebbe la prima posizione ma rimane un gradino sotto per il solo fatto che il calcio occupa una spazio piuttosto marginale:

“L’uomo in più” non è soltanto una tattica calcistica (peraltro realmente applicata da Ezio Glerean, allenatore del Cittadella negli anni 90), bensì un’intuizione, un' ipotesi di rinascita, la speranza di essere riconosciuti come persone. “La tattica è il passaggio dal caos giovanile alla maturità” afferma Sorrentino.
Il film ruota intorno a due uomini: un calciatore ed un cantante i quali non hanno nulla in comune se non il nome, Antonio.
Storie apparentemente staccate ma  che si intrecciano tramite un comune filo conduttore: il fallimento che si cela (neanche troppo bene) dietro al mondo dell'apparenza e del momentaneo successo.
Di conseguenza, “L’uomo in più” non è un film sul calcio, né sulla musica melodica. La trama, ben strutturata anche da un punto di vista narrativo, è “solo” funzionale ad addentrarsi nell’animo umano, a scoprire cos’altro c’è oltre le apparenze.
Emozionante.


1) FUGA PER LA VITTORIA

Il vincitore non poteva non essere questo film!

Diretto dal grandissimo John Huston è il film che più sapientemente fonde calcio vero con quello recitato. 
Il film vede come protagonisti veri calciatori dell’epoca con l'aggiunta di Michael Caine e Stallone (la differenza sul campo è abbastanza evidente).
Nel film sono presenti sequenze di gioco perfette, momenti aulici e altri che sembrano appartenere ad una normale partita di calcio, ad esempio, alcuni goal sono veramente ordinari, il che contribuisce al rendere il tutto più veritiero. 
La pellicola è ambientata durante la Seconda guerra mondiale. 
In un campo di prigionia nazista vi sono diversi ex calciatori tra gli Alleati, che tuttavia continuano ad allenarsi sotto la guida di John Colby.
Riconosciuto dal Maggiore Karl von Steiner, quest'ultimo gli lancia una sfida a una partita di calcio a Parigi; un match che non avrà solo un valore sportivo, ma anche sociale e storico.
John Houston trasforma il drammatico slogan nazista nei campi di concentramento "Il lavoro rende liberi" nel più positivo "Il calcio rende liberi".
E così tanti ex calciatori costretti a indossare una divisa e lasciare quello che sapevano fare meglio, sfidano i loro aguzzini in una epica partita, che non darà loro la libertà (come avevano premeditato),bensì la soddisfazione di porsi alla pari con chi li stava umiliando in un campo di prigionia. 

Nel cast ci sono diverse stelle del calcio degli anni '60-'70, tra cui Pelè, autore di una rovesciata che passerà alla storia del cinema. Non male nemmeno Stallone (anche se il doppiaggio di Amendola esalterebbe le qualità di qualsiasi attore)  nel dare un pò di ironia al solito ruolo di soldato/puglie macho tanto in auge negli anni '80.


Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…