Passa ai contenuti principali

Aforismi Woody Allen


Sempicemente il migliore.

   -Che cosa hanno fatto i posteri per me?

 -A scuola mi esclusero dalla squadra di scacchi a causa della mia statura.


-Il leone e il vitello giaceranno insieme,ma il vitello dormirà ben poco.

-Non solo Dio non esiste, ma provate a trovare un idraulico di domenica!

-Mio nonno era un uomo molto insignificante.al suo funerale il carro funebre seguiva le altre auto

-Leonard Zelig veniva spesso picchiato dai genitori.Abitavano sopra un bowling, ma erano spesso gli avventori del bowling a protestare per il troppo rumore!

-Sono stato aggredito e picchiato, ma mi sono difeso bene.A uno ho addirittura rotto una mano:mi ci è voluta tutta la faccia, ma ce l'ho fatta.

-Sono l'unico giocatori di scacchi che si è infortunato durante la preparazione fisica.

-La mia ragazza mi ha detto che sono un verme. Forse è per questo che sto tanto bene in quella Grande Mela che è New York.

-Mentalità divertente quella degli americani: nessuno ha detto niente quando Nixon ha bombardato illegalmente la Cambogia, ma se lo avessero sorpreso in una camera d'albergo con una minorenne lo avrebbero cacciato in due giorni.

-Le differenze maggiori tra i vari canali televisivi sono tuttora le previsioni del tempo.

-Oggi sono più famoso: faccio cilecca con donne più belle.

-Ero solito portare una pallottola nel taschino, all'altezza del cuore. Un giorno un tizio mi tirò addosso una Bibbia, ma la pallottola mi salvò la vita.

-Se faccio così bene l'amore, è perché mi sono esercitato a lungo da solo.

-Da bambino volevo un cane. Ma i miei erano poveri. Così mi regalarono una formica.

-L' unico dispiacere della mia vita é che non sono qualcun altro.

-Se il denaro non può dare la felicità, figuratevi la miseria!

-Meglio essere vigliacchi per un minuto che morti per il resto della vita!

-Domattina alle sei sarò giustiziato per un crimine che non ho commesso. Dovevo essere giustiziato alle cinque ma ho un avvocato in gamba.

-Dio è morto, Marx è morto... e anch'io oggi non mi sento molto bene...

-"Ma certo che Dio esiste: siamo fatti a sua immagine!" "E io sarei a sua immagine? Guardami: credi che Lui porti gli occhiali?" "Uhm... certo non con quella montatura.".

Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

A good year - Un'ottima annata

“Allora cosa decidi? I soldi o la tua vita?”
Max Skinner è uno spietato broker della City, niente più che una cinica macchina da soldi che sembra aver dimenticato le proprie radici e l'essenza del vivere, finché una lettera non gli annuncia la morte del suo unico affetto: il vecchio zio Henry. Figurando come unico erede, è costretto a lasciare, a malincuore, i propri affari e a partire alla volta della Provenza per gestire le questioni legate all'eredità dello zio: le vigne della tenuta Château La Canorgue, scrigno della sua infanzia. L'arrivo della presunta figlia di Henry e l'incontro con la splendida Fanny Chenal fanno traballare i suoi progetti di vendita. I profumi e i colori di quei luoghi incantati e sospesi, lo portano indietro nel tempo e gli fanno riscoprire il sé stesso che aveva dimenticato lì e i veri piccoli piaceri della vita: l'odore del mosto, l'immersione nel silenzio e nella tranquillità, l'impressione di vivere dentro un Van Gogh, la gio…