Passa ai contenuti principali

Taxi driver



Travis Bickle (Rober DeNiro) non riesce a dormire:lavora tutta la notte e durante il giorno non chiude occhio. 
Il taxi di Travis viene dalla nebbia dei tombini, emerge da un altro mondo, portandosi dietro il fumo che viene dal sottosuolo anche quando si ferma al bar con i colleghi: appare estraniato ed ambiguo agli occhi degli altri.
Cosa riesce a vedere il taxi driver del mondo, offuscato dal peso di quell'insonnia perenne? 
Nulla e frazioni di tutto: Travis non vede lucidamente, si abbandona su frazioni di spazio e tempo, su momenti dilatati, assorbe le bollicine d'aria di un'aspirina dilaniata dall'acqua, fa prove da giustiziere con la sua nuova 44 magnum.
Lui è solo, la città gli si impone, lo accerchia, lo mastica e lo risputa, gli entra nel taxi nelle vesti della clientela più disparata, mentre le luci di uno, due o più semafori  gli rimbalzano sulla faccia e gliela colorano.
 Tutti salgono nel suo taxi, quasi nessuno lo vediamo fisicamente uscire; perché la vita degli altri rimane addosso a Travis, indesiderata ed impregnata, si aggira sulla sua giacca militare e sulla sua cresta da moicano.

Travis è al telefono, ma la voce lo abbandona fuori campo per mostrarci un corridoio vuoto, al termine una porta che mostra il traffico della città.
Perché fuori, intorno, c'è la città che scorre, caotica, tra candidati alle elezioni senza testa, donne vuote e smaliziate prostitute.
Dopo che tutto il marcio ed il puzzo sono esplosi fuori, verranno depurati  dal sangue mischiato del vendicatore e dei suoi carnefici, che conferiranno a Travis un briciolo di effimeria gloria in qualche quotidiano.
 Betsy è salita sul taxi dell'eroe Bickle che non le fa pagare la corsa, dallo specchietto retrovisore il taxi driver sembra vedere qualcosa che lo fa sussultare.
Ma non è che un riflesso nel frame del vetro, che si confonde con tutti gli altri riflessi di una città sfocata.
Luci offuscate tra strade sporche, indistinte ma dolorosamente precise, da cui la realtà salta fuori in maniera vivissima, scatenata dalla precisione con cui la macchina da presa si concede di riprendere queste immagini indefinite, sgranate come la pellicola che racconta l'abbraccio affettuoso ed osceno di un pappone e della sua piccola puttana.
Non proprio una recensione, ma, frammenti sparsi della parabola di uno dei più grandi eroi/antieroi (vedete voi) apparsi sul grande schermo.
Capolavoro indiscusso.


Trailer:



Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…