Passa ai contenuti principali

Qualcuno volò sul nido del cuculo



Un piccolo malvivente, Randle Mc Murphy, dopo l'ennesima condanna, finge di essere pazzo per sfuggire al carcere e sceglie di "volare sul nido del cuculo", un modo di dire americano che significa andare in manicomio. Da subito si accorge che il soggiorno non sarà una vacanza: l'istituto è una sorta di lager tirato a lucido ed efficiente, dominato con pugno di ferro dalla signorina Ratched, una capo infermiera dispotica e severa. Gli ospiti non sono considerati persone ma casi clinici, trattati con umiliante paternalismo e imbottiti di farmaci. La lobotomia e l'elettroshock sono pratiche comuni, qualsiasi tentativo di recupero sociale è escluso. Mc Murphy assume nei confronti della donna un atteggiamento di beffarda condiscendenza e non perde occasione per punzecchiarla.

Nel frattempo comincia a sobillare allegramente i pazienti provocando un po' di scompiglio: organizza una gita in barca, giochi d'azzardo e riesce persino a portare dentro due prostitute. Un giovane paziente, scoperto con una ragazza e punito dalla Ratched, subito dopo si suicida. Furibondo per la morte del ragazzo, Randle si ribella di fronte a tanta crudele insensibilità, aggredisce la capo infermiera e tenta di strozzarla; scoppia un parapiglia tra i pazienti ma i pugni degli infermieri ristabiliscono l'ordine e tutto torna come prima: ordine, disciplina e giochini scemi per ingannare il tempo. Per punizione Randle viene sottoposto a lobotomia, (pratica chirurgica pseudoscientifica per la cura delle turbe comportamentali). Il gigantesco indiano finto-muto, col quale aveva fatto amicizia, non tollerando lo spettacolo del povero Mc Murphy che, ridotto allo stato vegetativo, si trascina nel reparto come un robot, pietosamente lo soffoca con un cuscino. Poi, nottetempo, sfonda una vetrata ed evade.

Coraggioso film, drammatico e di grande impatto emotivo, che solleva il problema della malattia mentale e denuncia la condizione dei "matti" nel manicomio. Mc Murphy è una persona normale ma "divergente", che rifiuta le regole e per questo viene stritolata dall'ingranaggio di una struttura totalitaria che non cura, non recupera e annulla l'individuo. 
Nel '75, quando uscì il film, in Italia era già in corso il dibattito appassionante, per le profonde implicazioni sociali e umane, sulla nuova psichiatria che porterà, sotto la guida del prof. Basaglia alla chiusura dei manicomi, a cui, purtroppo non seguiranno efficaci alternative. 
E' inutile sottolineare che buona parte il successo del film è dovuto anche alla grande prova di Jack Nicholson, attore di grande versatilità perfettamente calato in un ruolo a lui particolarmente congeniale, quello dello spostato, antisociale. In un'intervista affermò che ci vollero anni per trovare un'altra parte così interessante.

Trailer:


Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…