Passa ai contenuti principali

Amore tossico


Ambientato in una degradata Ostia (e dintorni), è, in chiave di cinema-verità, una pellicola interpretata da veri tossici, i loro corpi sono martoriati da buchi e lividi, aspirazioni e pulsioni di morte.
Giovani tossici che si barcamenano in una disarmante realtà quotidiana tra la pena del disordine di vivere e la fila per prendere il metadone quando l'eroina non si trova, nella loro tetra ed intrippata allegria.
Fu definito un film “tagliato”, come si dice dell'eroina, fatto di “roba” buona e “roba” meno buona, persino cattiva, come nel finale,che pecca un pò di  retorica, per rimanere in tema, tagliato male.
Film a tratti pasoliniano per l'ambientazione, personaggi onesti che si accontentano de svortà a ggiornata per procurarsi la dose quotidiana, con un linguaggio disadorno e lucido che nasce dalle borgate e suscita pena.



Attori tossicodipendenti (alcuni dei quali morti durante il film e rimpiazzati da altri tossici dalla "vena artistica"), regia e musiche scarne e ridotte all'essenziale.
Per tre quarti della storia, il film ci offre uno spaccato di vita reale, neorealista, può piacere o no, ma ha una sua dimensione, difficile da catalogare e giudicare.
Il tutto viene in parte rovinato dal finale, che ha la pecca di voler svoltare risultando retorico e poco credibile, lei che muore sotto la statua dedicata a Pasolini, lui che corre per chilometri con una dose in corpo e due poliziotti che gli sparano "Perchè correva ".
Raffigura l'emblema di come la ricerca della metafora ideologica (omaggio a Pasolini, lui che muore di corsa come di corsa ha bruciato la sua vita, e la polizia cattiva) può scadere nel ridicolo.
Nel complesso un film discreto, magari qualcuno al giorno d'oggi facesse qualcosa del genere invece dei soliti film scontati tanto cari, tanto buoni e rassicuranti.

Trailer:
 


 
Scena storica:
 

Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…