Passa ai contenuti principali

L'uomo che cadde sulla terra



 Il film narra la malinconica storia di un extraterrestre, che giunge sul pianeta Terra in cerca dell'energia necessaria a fermare la spaventosa siccità che sta portando all'estinzione gli abitanti del suo pianeta d'origine.
Adottate sembianze umane (con passaporto inglese annesso),ed assunto il nome di Thomas Jerome Newton, questi riesce in breve tempo, sfruttando nove brevetti che ha con sé, ad avere sotto il suo comando una potentissima multinazionale elettronica: la World Enterprise.
 Invenzioni che lo faranno diventare famoso ed influente, ma al contempo tale successo risulterà vano ai fini della salvezza del suo popolo: non sarà più in grado di tornare nel suo pianeta d'origine, con conseguente estinzione della sua famiglia e degli ultimi abitanti rimasti.
 Del romanzo (1964) di Walter Tevis, N. Roeg cambia sostanzialmente il punto di vista, si pone cioè nei panni dell'alieno e racconta le nostre solitudini, i nostri tormenti, le inevitabili sconfitte della società d'oggi. Il velo di marciume che riveste la nostra civiltà non risparmierà neanche il povero Thomas: giunto quasi come un semidio, puro ed esente dagli umani vizi, finirà anche lui per assorbire i più comuni vizi che affliggono la nostra società, cadendo quindi vittima dell'alcol e del sesso che lo distoglieranno dallo scopo del suo viaggio. Sconsigliabile agli spettatori di logica cartesiana: saturo di problemi irrisolti, lacune narrative, repentini passaggi temporali, situazioni accennate e non approfondite adeguatamente. 

Il suo fascino poggia sulla carismatica interpretazione D. Bowie che, con il suo fisico androgino, dà al personaggio uno sconcertante spessore. Colonna musicale memorabili dove canzoni dello stesso Bowie e di Stomu Yamashita s'alternano a classiche melodiche.Inizialmente l'intera colonna sonora era stata affidata allo stesso Bowie che scrisse parte dell'album di una possibile colonna sonora del film, ma fu rifiutata da Roeg perché troppo sperimentale, e partorita sotto il potente effetto della polvere bianca: circa 10g al giorno per sua stessa ammissione. Nella versione DVD sono presenti circa 46 minuti in più rispetto alla versione cinematografica uscita in Italia; quindi è sicuramente da rivedere!

Trailer:



Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

A good year - Un'ottima annata

“Allora cosa decidi? I soldi o la tua vita?”
Max Skinner è uno spietato broker della City, niente più che una cinica macchina da soldi che sembra aver dimenticato le proprie radici e l'essenza del vivere, finché una lettera non gli annuncia la morte del suo unico affetto: il vecchio zio Henry. Figurando come unico erede, è costretto a lasciare, a malincuore, i propri affari e a partire alla volta della Provenza per gestire le questioni legate all'eredità dello zio: le vigne della tenuta Château La Canorgue, scrigno della sua infanzia. L'arrivo della presunta figlia di Henry e l'incontro con la splendida Fanny Chenal fanno traballare i suoi progetti di vendita. I profumi e i colori di quei luoghi incantati e sospesi, lo portano indietro nel tempo e gli fanno riscoprire il sé stesso che aveva dimenticato lì e i veri piccoli piaceri della vita: l'odore del mosto, l'immersione nel silenzio e nella tranquillità, l'impressione di vivere dentro un Van Gogh, la gio…