Passa ai contenuti principali

Her

" Cara Catherine, sono stato qui a pensare a tutte le cose per cui ti vorrei chiedere scusa. A tutto il dolore che ci siamo inflitti a vicenda. A tutte le cose di cui ti ho incolpato. A tutto ciò che volevo tu fossi e dicessi. Mi dispiace per tutto ciò. Ti amerò sempre perchè insieme siamo cresciuti. E mi hai aiutato a farmi diventare così. Voglio solo che tu sappia...che dei frammenti di te resteranno per sempre in me. E di questo te ne sono grato. Qualsiasi cosa tu sia diventata e ovunque tu ti trovi nel mondo, ti mando il mio amore. Sarai mia amica per sempre. Con affetto, Theodore"
 


In un futuro non troppo lontano dal nostro, scorre, malinconicamente, la vita di Theodore ( Joaquin Phoenix).
L'uomo, lavora presso il sito internet "BeautfulHandwrittenLetters.com" ; in pratica, è pagato per comporre lettere  in base alle esigenza dei propri clienti.
Gli scritti di Theodore, pieni di speranza e buoni sentimenti, fanno da contrasto con il suo stato emotivo: dopo essere stato lasciato dalla moglie, infatti, cade in un profondo stato di depressione, dal quale sembra non riuscire a riprendersi.
La sua vita è circoscritta da un numero limitato di amici ed attività: intrattiene qualche svogliata conversazione con i vicini, fa visita alla figlioccia, gioca ad ambigui videogiochi in 3D e  frequenta chat erotiche.
 
La svolta per uscire da questo mal di vivere, avviene, con l'acquisto di un nuovo OS, molto più evoluto ed interattivo di un normale sistema operativo.
Questo OS, dal nome Samantha (la voce è di Scarlett Johansson) dimostra un'abilità emotiva e sentimentale pari, se non maggiore, a quella di un essere umano.
Le affinità tra i due si tradurrà, successivamente, in una delicata e toccante storia d'amore.


L'opera confezionata da Spike Jonze, è il frutto di una lenta ed accurata gestazione, la stessa sceneggiatura ha richiesto svariati anni prima di essere ultimata ma, il prodotto finale, è veramente di pregiata fattura.
Nulla è lasciato al caso in questo film: i dialoghi sono intensi e emozionanti, la recitazione di Joaquin Phoenix è sublime, sopratutto, pensando che non ha una spalla che lo appoggia durante il film e che la sua metà è artificiale; Scarlett Johansson con la sua voce, riesce a rendere intenso il suo personaggio, passando, dall'iniziale curiosità di voler provare emozioni umane, al successivo sgomento per la sua condizione e per non poter vivere pienamente la sua relazione con Theodore.
Un elemento curioso è rappresentato dalla fotografia pastellata : sembra quasi di essere immersi in una sorta di pubblicità della Apple, i colori vivi e luminosi sembrano cozzare con il buio interiore di persone ormai incapaci di comunicare tra loro.
 Il montaggio, presenta numerosi (seppur brevi) flashback, che riescono a creare un fortissimo senso di identificazione con Theodore: i frammenti, evocati nel ripensare ai momenti d'amore e tenerezza con la moglie , ti entrano dentro, lasciando un retrogusto di malinconia e tristezza.
La vera novità è rappresentata dall'idea di quello che sarà il nostro ipotetico rapporto con la tecnologia, che, è evocato nell'immaginario collettivo come qualcosa di alienante e negativo, mentre, per il visionario Jonze, la tecnologia sarà proprio il mezzo per recuperare gli istinti umani più puri e vivi, come innamorarsi.
Da sottolineare la meravigliosa colonna sonora degli Arcade Fire, con particolare riguardo per la canzone candidata all'Oscar "Moon song"(che ho inserito a fine recensione, dopo il trailer) scritta dallo stesso regista .
Concludo, dicendovi che sarà difficile trattenere le lacrime durante lo struggente finale.
Film da vedere assolutamente.

Trailer:


The Moon song:






Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…