Passa ai contenuti principali

Pulp Fiction

"Ezechiele 25.17: "il cammino dell'uomo timorato è minacciato da ogni parte dalle iniquità degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi. Benedetto sia colui che nel nome della carità e della buona volontà conduce i deboli attraverso la valle delle tenebre; perché egli è in verità il pastore di suo fratello e il ricercatore dei figli smarriti. E la mia giustizia calerà sopra di loro con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno su coloro che si proveranno ad ammorbare ed infine a distruggere i miei fratelli. E tu saprai che il mio nome è quello del Signore quando farò calare la mia vendetta sopra di te." 



Ora, sono anni che dico questa cazzata, e se la sentivi significava che eri fatto. Non mi sono mai chiesto cosa volesse dire, pensavo che fosse una stronzata da dire a sangue freddo a un figlio di puttana prima di sparargli. Ma stamattina ho visto una cosa che mi ha fatto riflettere. Vedi, adesso penso, magari vuol dire che tu sei l'uomo malvagio e io sono l'uomo timorato, e il signor 9mm, qui, lui è il pastore che protegge il mio timorato sedere nella valle delle tenebre. O può voler dire che tu sei l'uomo timorato, e io sono il pastore, ed è il mondo ad essere malvagio ed egoista, forse. Questo mi piacerebbe. Ma questa cosa non è la verità. La verità è che TU sei il debole, e io sono la tirannia degli uomini malvagi. Ma ci sto provando, Ringo, ci sto provando, con grande fatica, a diventare il pastore."



Due improvvidi rapinatori nel bar sbagliato, due gangster strambi, l'uno eroinomane, l'altro predicatore, che uccidono per recuperare una valigetta, la grottesca serata di uno di loro con la moglie del boss, un pugile, in fuga dalla mala dopo aver vinto il match per cui era pagato per perdere, che rischia la vita per recuperare il prezioso orologio lasciatogli dal padre, un impettito professionista che risolve i problemi dei killer inesperti. 

Uno stravagante ingarbugliarsi di storie, ispirati ai racconti pulp degli 80s, che tracimano nel trash e nell'assurdo, pretesto per mettere in piedi un allucinato trattato di puro cinema.



I dialoghi geniali, il sangue che schizza come ketchup sugli interni in pelle di una sportiva, le improbabili situazioni in cui incappano i protagonisti, il tutto, condito di citazioni (da Kubrick a Hitchcock), in un perfetto gioco di montaggio, fanno sembrare il film un divertissement del regista.

In realtà le trame strampalate catalizzano l'alto registro formale di Tarantino che si diverte ad usare in modo non convenzionale il flashback e la steadycam.
Il cast eccezionale riesce a dare un'inconfondibile caratterizzazione pulp ai personaggi: John Travolta ballerino che pianta l'adrenalina nel petto di un'affascinante Uma Turman in overdose; il rabbioso Samuel L. Jackson che pianta pallottole col beneplacito della Bibbia; Bruce Willis pugile dal cuore
tenero, Harvey Keitel il cui "sono Mr. Wolf, risolvo problemi" è storia. E poi, il rituale cameo del visionario-folle Tarantino in vestaglia, restio a far diventare il suo garage "un deposito di negri morti".
La violenza, le scene crude e perverse ballano sul filo di un'ironia tagliente che spiazza lo spettatore e lo mette in magica sintonia col regista.
La colonna sonora è usata in modo sapiente, l'astante non può che canticchiarla, in modo inconsapevole, mentre i ritmi cadenzati fanno da contrappunto alla grottesca e sanguinolenta realtà che invade la scena.
Un cult al cardiopalma.


Trailer:


Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…