Passa ai contenuti principali

The bling ring


La trama, tratta da vicende realmente accadute nel 2009, è nota ai più: liceali straricchi che da piccoli furti passano a svaligiare le case dei vip, per poi venire beccati dalle telecamere e dai loro post su facebook.
Un film decisamente brutto, mal recitato, mal sceneggiato e mal diretto.
Se voleva evidenziare il vuoto esistenziale degli adolescenti di Los Angeles che rubano nelle case dei Vip per colmare l'initulità della loro misera vita fatta di sesso, droga e discutibile musica, è riuscita solo ad evidenziare vuoti di sceneggiatura.
Quello che doveva essere un intrattenimento leggero durante la cena è diventato una lenta agonia.
La scene scorrono come tre ore di lezione il venerdì all'ora di pranzo, mentre pensi al cazzeggio finesettimanale.

I dialoghi sono ripetitivi, poveri, le azioni sempre uguali a loro stesse, i protagonisti insicuri, bisognosi di attenzione, con il disturbo compulsivo di postare qualsiasi cosa su facebook, compresi i furti, superficiali e noiosi come la loro vita, diventano macchiette. Le relazioni interpersonali sono pura apparenza, fragili, false, tenute insieme dalla ricerca del "brivido" e pronte a frantumarsi quando la situazione degenera. 


E la Coppola si limita semplicemente a registrare il tutto, senza aggiungere altro, nessun picco emotivo, nessun sentimento, nessuna suspance, nessuna evoluzione, niente di niente. Aggiunge la voce fuori campo dell'unico componente maschile della gang, momenti di introspezione assolutamente decontestualizzati e dissonanti.
Ne deriva uno schema senza senso, una pellicola che si accartoccia su se stessa senza provocare il minimo interesse.
Tutto gira a vuoto, senza stile.
Anche nelle precedenti opere i personaggi della Coppola erravano in modo circolare e senza senso: l'attore a fine carriera e la sposina annoiata in Lost in Traslation, padre e figlia in Somewhere, la regina bambina in Marie Antoniette.
Ma tutto era narrato con una certa grazia e un particolare registro stilistico che in Bling Ring non troviamo. La regia ricalca pedissequamente la superficialità dei teenager cleptomani e ne esce svuotata.

Sembra entrata in loop anche la Coppola, con film intrisi di vuoto, tendenti al pop e al pacchiano, si pensi ad alcune scene di Marie Antoniette.
Sulle interpretazione non vale la pena spendere una parola. Essendo i protagonisti privi di spessore, gli attori non potevano far altro che appiattirsi su questa nullità di sentimento? Mah, risultano semplicemente svogliati.
Forse l'unico punto del film è che lancia uno sguardo verso di noi, verso la società che porta "ragazzini-criminali" ossessionati da starlette-vip-profonde come pozzanghere, ad assurgere agli onori della cronaca, osannati da altri ragazzini fino a diventare essi stessi vip-meteore. 

Trailer:



Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…