Passa ai contenuti principali

The Weather Man - L'uomo delle previsioni

"Tutte le persone che avrei potuto essere si sono assottigliate con il tempo, e alla fine si sono ridotte a una sola, a ciò che sono. L'uomo delle previsioni."


David Spritz (Nicholas Cage) è l'uomo delle previsioni di un tg locale.
Nonostante il meteorologo goda di una buona popolarità e di un ottimo stipendio, vive nella consapevolezza che  le previsioni non sono dettate dalla sua competenza in materia, ma solo dall'andamento dei venti.

David è in corsa per ricevere un' importante promozione a livello lavorativo ma, mentre nella sua vita professionale domina un confortante sole, quella affettiva è al centro di un uragano:  ha divorziato dalla moglie, vive un rapporto fatto di incomprensioni con i figli e viene visto dal ben più facoltoso padre con freddezza e sufficienza. 


L'epilogo del film sembra lieto : l'uomo delle previsione riesce ad ottenere la promozione, ma vive passivamente il suo successo, consapevole di essere uno come tanti, nonostante abbia un posto nel carro dei vincenti.

Verbinski realizza un ottimo film, a tratti comico a tratti drammatico, Nicolas Cage si presta benissimo nella parte dell'uomo medio insoddisfatto della sua vita e da ciò che lo circonda.
La scarsa stima che l'uomo ha nei suoi confronti è estesa anche ai suoi telespettatori: non sono rari i casi in cui all'uomo vengono gettati gli avanzi dei fast food, come lui stesso afferma: "Sempre fast food. Fast food. Merda, la gente preferisce buttare che finire. È facile... Il sapore non è male, ma non ti fornisce alcun nutrimento. Io sono fast food."
Paradossalmente, la svolta avviene da quando inizia a girare con un arco per la città, passione che nasce indirettamente ( la figlia cicciona che vuole un arco perché deve usarlo per "Ammazzarci gli uccelli").

Da quel momento, si aggira per la città come un arciere metropolitano, conferendo al personaggio un certo "carisma" e la stima da parte dei passanti.
Una delle sequenze più riuscite vede David solo, immerso in un freddo e asettico paesaggio innevato, che punta una freccia del suo arco contro un albero avvolto da uno strato di ghiaccio: l'affilata punta che trafigge la strato di ghiaccio per poi penetrare nella corteccia, ha un richiamo fortemente simbolico, sembra voler depurare il personaggio da quello strato di superficialità e frivolezza che lo aveva accompagnato per tutta la sua vita. 
Lo stesso protagonista, tirando le somme sulla sua esistenza, in un momento di lucida consapevolezza affermerà: "Tutte le persone che avrei potuto essere si sono assottigliate con il tempo, e alla fine si sono ridotte a una sola, a ciò che sono. L'uomo delle previsioni."


Tirando le somme, non stiamo certo parlando di un film oggettivamente bello, però gode di un fascino tutto suo, un pò come David Spritz: non un luminare, non un genio o un artista maledetto ma un uomo medio con qualcosa da raccontare.

Trailer:





Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…