Passa ai contenuti principali

Hunger Games (Catching fire)





Nel futuristico regno di Panem, Katniss (Jennifer Lawrence) e Peeta (Liam Hemsworth), fanno ritorno nel loro distretto da eroi-vincitori della passata edizione degli Hunger Games. Ma la loro serenità durerà poco: i due sono costretti a lasciare nuovamente il distretto per iniziare il Tour dei Vincitori negli altri distretti, per commemorare i tributi defunti.
Prima della partenza, Katniss viene avvisata dal presidente di Capitol City, Snow (Donald Sutherland), di continuare la finta storia d'amore che ha inscenato con Peeta nei giochi, per evitare ribellioni, sotto la minaccia di far del male ai suoi cari.
Ma la loro relazione inizia a perdere di credibilità e in ogni tappa del tour iniziano focolai di rivolta, prontamente sedati in modo violento, simbolo dei ribelli diventa la Ghiandaia Imitatrice (The Mokingjay: la spilla che porta Katniss).
Snow si rende conto che Katniss viene vista dal popolo come luce di speranza per il cambiamento della loro condizione di schiavi. Ora è più che mai deciso ad eliminarla, indice, quindi, degli Hunger Games commemorativi i cui tributi dovranno essere i vincitori delle passate edizioni.
Katniss e Peeta tornano nell'arena a lottare per la loro vita tra alleanze e strategie all'ultimo fiato.
Nel frattempo il popolo freme, sempre di più, per trovare il riscatto.

Uscito il 27 Novembre 2013 nelle sale italiane, il secondo capitolo della trilogia tratta dal romanzo di Suzanne Collins, già domina box office italiani e americani.

Un Blockbuster confezionato a pennello per attirare teenagers amanti delle atmosfere fantastico-distropiche teatro di sentimentalismi.
Dopo che il regista del primo capitolo, Gary Ross, ha rifiutato di dirigere il secondo, gli è subentrato Francis Lawrence, già visto alla regia di film come Constantine e  Io sono leggenda.
La trama è un po' debole come il triangolo amoroso che prospetta, la sceneggiatura piena di falle.
Riesce, tuttavia, a creare una buona tensione.


Tema interessante, non ben approfondito ma solo appena accennato, è quello della riflessione sulla società pseudo fascista che seda le masse con gli spettacoli televisivi e le tiene sotto il giogo della paura, sulla volontà del popolo di riguadagnare lo status di essere umani e una vita degna e libera.
L'intero film si regge unicamente sulla bravura di Jennifer Lawrence (Oscar come migliore attrice per la sua interpretazione ne Il Lato Positivo) che riesce a rendere pienamente tutte le sfaccettature del personaggio, facendo arrivare al pubblico le sue più piccole sfumature.
Si mormora che l'epilogo, The Mokingjay (Il canto della rivolta), sarà diviso in due film, stesso cast, stesso regista e che la parte prima, sia attesa nelle sale per il 20 Novembre 2014.


Trailer:




Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…