Passa ai contenuti principali

Invictus - La forza e il coraggio di Nelson Mandela e dello storico capitano degli Springbroks


"
Dal profondo della notte che mi avvolge,

Buia come un pozzo che va da un polo all'altro,

Ringrazio qualunque dio esista

Per l'indomabile anima mia.


Nella feroce stretta delle circostanze
Non mi sono tirato indietro né ho gridato.
Sotto i colpi d’ascia della sorte
Il mio capo è sanguinante, ma indomito.

Oltre questo luogo d'ira e di lacrime
Si profila il solo Orrore delle ombre,
E ancora la minaccia degli anni
Mi trova e mi troverà senza paura.

Non importa quanto stretto sia il passaggio,
Quanto piena di castighi la vita,
Io sono il padrone del mio destino:
Io sono il capitano della mia anima."



Invictus è il poema di William Ernest Henley che ha dato sostegno a Madiba durante i 26 anni di prigionia.



Di qui, il titolo del film di Clint Eastwood con Morgan Freeman e Matt Damon, basato sul romanzo di John Carlin, Ama il tuo nemico.
Sud Africa, Mandela (Morgan Freeman) si è appena insediato come presidente e l'eliminazione dell'apartheid è ancora fresca.
La nazionale di rugby, gli Springboks, capitanati da François Pienaar (Matt Damon),  è stata da poco riammessa alle competizioni internazionali, dopo un decennio di boicottaggio. 
Storicamente composta di soli afrikaner, era odiata dai neri che, quando era in vigore l'apartheid, venivano relegati nelle peggiori posizioni dello stadio e, esasperati, finivano per tifare la squadra avversaria.
Nei mondiali del 1995, Mandela vede una buona occasione per saldare il legame tra la popolazione bianca e nera e per affermare il Sud Africa come nazione unita davanti al mondo. 
Decisivo sarà l'epico scontro con i temutissimi All Blacks.


La vittoria degli Springbroks diventa il simbolo della fine delle divisioni razziali attraverso lo sport: la maglia verde-oro della squadra che per la popolazione nera, significava oppressione e disperazione, diventa ora il vessillo dell'integrazione.
La chiave del film è la capacità di perdonare e andare avanti, insieme, più forti di prima.
La partita tra odio e perdono si gioca su un campo di rugby.
Morgan Freeman riesce a rendere il carisma irresistibile del presidente sudafricano, non a caso, lo stesso Mandela, di cui l'attore era amico di vecchia data, aveva dichiarato che solo lui avrebbe potuto interpretarlo.
Il film lascia quasi il biopic in sordina, la lotta politica sembra essere solo lo sfondo, e fa prevalere l'azione, le lotte e le vittorie della squadra sul campo che sono metafora del cammino verso la conquista dell'uguaglianza e del coraggio di perdonare senza abbandonarsi alla vendetta.
La regia di Clint Eastwood è asciutta e spartana, eppure efficace.


Trailer:




Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…