Passa ai contenuti principali

Gravity - Alfonso Cuaron


L'ingegnere biomedico Ryan Stone (Sandra Bullock), alla sua prima missione spaziale, sta installando un nuovo congegno al telescopio Hubble insieme all'affascinante veterano Mattew Kowalski (George Clooney), quando quella che doveva essere una passeggiata spaziale di routine si trasforma all'improvviso nel peggiore degli incubi.
Una sonda russa è stata distrutta e i suoi detriti viaggiano impazziti nello spazio nero, distruggendo e uccidendo tutto quello che capita.
Stone e Kowalski sono soli nello spazio, la loro navicella è anch'essa un detrito, le comunicazioni con la terra sono interrotte, la percentuale d'ossigeno scende vertiginosamente, "va sorseggiato come vino", fino a scendere ad ottundente anidride carbonica.
Il silenzio alienante li divide dal magnifico pianeta cristallino, il panico cresce all'aumentare dello spazio che li separa da casa.
L'unica speranza è mettere da parte la paura e spingersi ancora più oltre.

Gravity non è il film di fantascienza che ti aspetti e questa è la sua forza.
Innanzitutto è un thriller.
La gravità del titolo è la grande e agognata assente che già da il senso di oppressiva sospensione che deflagherà nel cosmo puntellato di sonde.

Ti cattura, ti trascina, ti toglie il respiro. 
Lo spettatore ha, di fatto, lo stesso limitato ossigeno dei protagonisti. 
Il loro livello di O2 scende e la difficoltà di respirare sale, l'aria inizia a diventare poca, lo spazio stretto, il silenzio il rumore che più scuote i timpani.
Un'angoscia crescente strappa via il fiato, i muscoli si tendono alla spasmodica ricerca di una via d'uscita, il corpo si irrigidisce. 
Silenzio, immensità e pace si trasformano in strumenti di sopraffazione.
Cuaron (Oscar alla regia lo scorso 2 marzo) fa parlare la sua "telecamera" più di quanto possa parlare lo script, l'unico punto debole del film.

Film portato all'estremo, radicalizzato, sperimentale al punto da tracimare i confini di ciò che chiamiamo cinema.
Un film sul 3D più che 3D, con una tecnica portata ad un livello di molto superiore all'Avatar di Cameron. 
Il vero protagonista è lo spettatore che viene trascinato nel vortice della computer grafica e sballottato nello spazio più profondo.
Tutto avviene in tempo reale, nel lasso di un'ora e mezza si consuma l'intera vicenda che ruota intorno alla lotta per la sopravvivenza.

La "trama" è ridotta all'osso, l'introspezione dei personaggi solo accennata, ma il dire poco sembra ancora più efficace, non servono le implicazioni psicologiche per far entrare lo spettatore nello schermo.
La dottoressa Ryan matura in una manciata di minuti passando da un'azione abulica e abbandonata all'estremo ad un agire consapevole e più che mai determinato a lottare, la sua storia si intuisce, il suo dolore si percepisce e lo spettatore può immedesimarsi più facilmente.

Personaggio affine alla Ellen Ripley (Sigourney Weaver) dell'Alien Ridley Scott, richiamato anche dalla grafica del titolo di apertura.
La mancanza di un prima e di un dopo rende la vicenda più carica di fascino e mistero. 
Quando invece si cerca di dare più spessore emotivo alla storia, con frasi ridondanti e retoriche, metafore della vita (la scena in cui la Bullock è come un feto nel grembo materno si poteva evitare) e dialoghi banali, la tenuta stilistica sembra affondare e perdere forza.
Il tradizionale impianto che dovrebbe far scattare la storia sembra mancare, ma il regista riesce abilmente a far emergere un senso dal vuoto.
La contrapposizione essere e nulla-vuoto cosmico, sfrondato dal chiacchiericcio retorico, carica il film di una potenza coinvolgente. 
Era più che scontato che si aggiudicasse tutti gli oscar tecnici.
Gravity più che un film è un'esperienza.

Trailer:



Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…