Passa ai contenuti principali

Oscar 2014, the winners!



Al  Dolby Theatre di Los Angeles, si è da poco conclusa l'86esima edizione della cerimonia degli Academy Awards.
Il premio più ambito ovvero quello di miglior film va a 12 anni schiavo di Steve McQueen, mentre Gravity si aggiudica tutti i premi tecnici oltre all'Oscar come miglior regia; sicuramente una bella soddisfazione per Alfonso Cuarón.
Dallas Buyers Club non delude, infatti consacra la maturazione artistica di Matthew McConaughey (miglior attore protagonista) e Jared Leto (miglior attore non protagonista).
Anche quest'anno, il povero DiCaprio resta (forse ingiustamente), a mani vuote; sicuramente gli sfottò che girano sul web sui suoi mancati Oscar diventeranno sempre più virali.
Cate Blanchett si aggiudica l'Oscar come migliore attrice protagonista con Blue Jasmine, riscattando anche Woody Allen dopo il pessimo To Rome with love.
Chi invece ha saputo cogliere l'essenza della città eterna è Sorrentino che, grazie al film La grande bellezza, si aggiudica l'Oscar come migliore film straniero; l'ambita statuetta mancava all'Italia dai tempi de La vita è bella (1999).
Sorrentino, accompagnato da Tony Servillo, si è così espresso durante il discorso di premiazione: "Grazie all'Academy, a tutti gli attori, i produttori e alle mie fonti di ispirazione: Federico Fellini, Martin Scorsese, i Talking heads e Maradona; sono quattro campioni nella loro arte che mi hanno insegnato tutti cosa vuol dire fare un grande spettacolo, che è la base di tutto lo spettacolo
cinematografico. Sono molto emozionato e felice, non era scontato questo premio, i concorrenti erano temibili ora sono felice e sollevato".


Uno dei migliori film in lizza tra le varie nomination era Her (uscirà tra qualche giorno in Italia, vergognosi i ritardi di distribuzione rispetto ad altri Paesi) premiato per la migliore sceneggiatura originale; a mio avviso, poteva ambire a qualcosa in più.

Non mi addentro nei commenti dei vari premi come: miglior film di animazione, trucco, miglior corto, ecc..(li troverete tutti elencati alla fine del post).
La cerimonia, in genere, è filata in maniera piacevole, senza troppi ribaltoni tra film favoriti e premi assegnati.
I selfie sono stati i veri  protagonisti della serata: l'autoscatto che immortala le varie star è stato il più ritwittato nella storia del web.
Concludo dicendo che, dal punto di vista tecnico, è stata un'edizione piena di film veramente validi, cosa che non accadeva ormai da qualche anno.
C'è da dire, però, che gli americani tendono un pò troppo a privilegiare film squisitamente patriottici rispetto a film dalla vena più innovativa (Her in primis). 
Questa la mia unica critica, magari l'anno prossimo cambia tutto...
Dio benedica l'America!



Elenco completo dei film premiati:


-Miglior film: 12 anni schiavo di Steve McQueen

-Migliore regia:  Alfonso Cuarón per Gravity

-Migliore attrice protagonista: Cate Blanchett per Blue Jasmine

-Migliore attore protagonista: Matthew McConaughey per Dallas Buyers Club

-Migliore attrice non protagonista: Lupita Nyong'o (12 anni schiavo)

-Migliore attore non protagonista: Jared Leto per Dallas Buyers Club

-Migliore sceneggiatura non originale: John Ridley (12 anni schiavo)

-Migliore sceneggiatura originale: Spike Jonze per Her

-Miglior fotografia: Emmanuel Lubezki per Gravity

-Migliore scenografie: Catherine Martin e Beverly Dunn (Il Grande Gatsby)

-Miglior film straniero: La grande bellezza di Paolo Sorrentino (Italia)

-Miglior film d'animazione: Frozen - Il regno di ghiaccio di Chris Buck, Jennifer Lee e Peter Del Vecho

-Migliori effetti speciali: Tim Webber, Chris Lawrence, David Shirk e Neil Corbould per Gravity

-Migliore montaggio: Alfonso Cuarón e Mark Sanger per Gravity

-Miglior sonoro: Glenn Freemantle per Gravity

-Miglior montaggio sonoro: Skip Lievsay, Niv Adiri, Christopher Benstead e Chris Munro per Gravity

-Miglior colonna sonora: Steven Price per Gravity

-Miglior canzone originale: Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez per Let It go (Frozen - Il regno di ghiaccio)

-Miglior trucco e acconciature: Adruitha Lee e Robin Mathews per Dallas Buyers Club

-Migliori costumi: Catherine Martin e Beverley Dunn per Il Grande Gatsby 

-Miglior documentario: 20 Feet from Stardom di Morgan Neville, Gil Friesen e Caitrin Rogers

-Miglior corto documentario: The Lady in Number 6: Music Saved My Life di Malcolm Clarke e Nicholas Reed

-Miglior cortometraggio: Helium di Anders Walter e Kim Magnusson

-Miglior cortometraggio d'animazione: Mr. Hublot di Laurent Witz e Alexandre Espigares

Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…