Passa ai contenuti principali

No Country For Old Men - Non è un paese per vecchi

"Ti voglio fare una domanda: qual'è la scommessa più grossa che hai perso a testa o croce?"


Texas, anni '80. Unico superstite di un regolamento di conti tra narcotrafficanti in cui si imbatte per caso, Llewelyn Moss (Josh Brolin) si trova in possesso di una valigetta contenente un'ingente somma di denaro. 
La decisione di portarla con sé segna la discesa in un vortice di angoscia e violenza. Sulle sue tracce lo spietato killer Anton Chigurh (Javier Bardem) - a cui piace uccidere con l'aria compressa- e l'inadeguato sceriffo, prossimo alla pensione, Ed Tom Bell (Tommy Lee Jones).



Quattro statuette agli Oscar 2008 per questo cult che è riuscito a scalzare il bellissimo Petroliere: miglior film, miglior regia, miglior attore non protagonista e miglior sceneggiatura non originale.
Feroce, cinico, nichilista, No Country for Old Men propone sullo schermo una disincantata interpretazione del mondo e dell'avida umanità che lo popola.
Non ci sono buoni o cattivi, c'è solo la violenza dal tono shakespeariano che gronda sulla terra come sangue dalle pagine dell'omonimo romanzo di Cormac McCarthy, da cui è tratto il film.
I fratelli Cohen con gelido tratto e asciutta regia, mostrano l'orrore della nostra civiltà. Rileggono il mito del vecchio west a loro modo: innanzitutto non vince il bene sul male, solo l'ipotesi del lieto fine agonizza brutalmente come le vittime di Chigurh, e i personaggi, al centro dell'epos distorto, si distaccano completamente dai protagonisti di Sergio Leone, perché incarnano non i "valori" ma il lato più spietato e animalesco dell'uomo. 

A cominciare dal killer psicopatico con lo sguardo perso nel vuoto, personaggio crudele e quasi disumano per la sua insensibilità, ma allo stesso tempo ironico e comico in un certo senso, basti pensare alla sua caratterizzazione estetica: quale spietato killer avrebbe un così ridicolo taglio di capelli in stile paggetto e girerebbe con una ben poco maneggevole bombola d'aria?
Un grottesco strumento - ma anche vittima - del caso come è perfettamente sintetizzato nella scena in cui fa lanciare la monetina al vecchio nella stazione di servizio. 
Nella risposta alla sua domanda su cosa si stia giocando, si racchiude il senso dell'esistenza dominata totalmente dal fato, che il film vuole trasmettere, dove i sentimenti positivi non trovano spazio: "ti stai giocando tutto, te lo stai giocando da quando sei nato, solo che non lo sapevi."

Il suo "doppio" è lo sceriffo, debole, inutile, incapace come lo spettatore di fare qualsiasi cosa per fermare la brutalità e l'aridità della realtà che lo circonda, in netto contrasto con la sua complessa e profonda interiorità.
Moss sta tra i due estremi.
Lo spettatore resta spiazzato, quello che si aspetta dalla storia non accade, non c'è chi vince, non c'è chi perde.
L'ambientazione e la fotografia sono oniriche, sospese. Dimensione, quella del sogno, che permea il tessuto stilistico e filosofico del film.
Il tutto è una macabra marcia sulle rovine della nostra civiltà perduta, abitata da omini mossi dalle loro piccolezza e sballottati dall'onda del dio della sorte.
Resta soltanto la consapevolezza che si vive e muore in base al capriccio del caso. 
Immobile e sempre uguale a sé stesso resta soltanto il paesaggio, muto e indifferente testimone della crudele avidità umana.


Trailer:




Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…