Passa ai contenuti principali

100 post- Un incontro con..


Vogliamo celebrare il nostro centesimo post con il racconto di un incontro particolare.
Il 12 e 13 novembre, al Teatro Lauro Rossi di Macerata, è andato in scena Lo zio Vanja di Anton Cechov, regia di Marco Bellocchio, con Michele Placido, Sergio Rubini, Anna Della Rosa.
Lo zio Vanja è tra i capolavori indiscussi di Cechov: il dramma si svolge nella tenuta in campagna di
Vanja (Sergio Rubini) e sua nipote Sonja (Anna Della Rosa). La loro vita rurale viene scossa dall'arrivo del vecchio professor Serebrjakov (Michele Placido), cognato di Vanja e padre di Sonja, e della bella e giovane seconda moglie Helene (Lidiya Liberman), di cui tutti si innamorano perdutamente.

La convivenza farà piombare tutti in uno stato di pigra indolenza che li porta all'esasperazione, fino a far uscire vecchi e segreti rancori.

Marco Bellocchio (definito dallo stesso Placido: registra teatrale e anticonformista) e la magnifica interpretazione degli attori sono riusciti a rendere quell'atmosfera sospesa, vagamente inquietante, quel sentimento abulico e in attesa di catastrofe dei personaggi che caratterizza l'opera.

Il legno chiaro che domina la scenografia sembra essere la trasposizione immaginifica dei sentimenti che aleggiano intorno ai protagonisti: indifferenti fuori, ma tumultuosi dentro.

Il 13, presso la Civica Enoteca Maceratese, il cast ha incontrato il pubblico. Noi eravamo lì.
Gli attori hanno raccontato come hanno vissuto l'interpretazione dei loro personaggi.
Una tra le cose più interessanti della conferenza, è stato apprendere che l'attrice che interpretava la balia (Maria Lovetti), è stata scelta dal regista perché attrice non professionista, proprio per dare al personaggio la naturalezza che cercava.
L'Enoteca, alla fine, ha offerto a tutti un calice di vino, dandoci la possibilità di parlare a tu per tu con gli attori.

Abbiamo iniziato da Michele Placido chiedendogli perché avessero scelto proprio Lo Zio Vanja: "Primo perché è un'opera che piace a tutti, agli attori e al pubblico. Poi perché è un dramma molto attuale. Basti pensare alle parole di Astrof (il medico, interpretato da Pier Giorgio Bellocchio) quando si lamenta della tendenza umana a distruggere tutto quanto, in particolare il loro habitat. Un discorso che era valido cent'anni fa, figuriamoci adesso!".


Ci siamo poi rivolti a Sergio Rubini, la cui commovente interpretazione ci ha colpito in particolare, e gli abbiamo chiesto come è stato entrare nelle pieghe di un testo come quello cechoviano e in un personaggio così complesso. "Non è che mi piaccia molto entrare in un personaggio così doloroso.
Certo il teatro è un'esperienza corale, forse nel cinema il personaggio è più tuo, te lo senti più addosso. E poi, prima di salire sul palco, non mi va mai!"
Emozionatissimi gli abbiamo detto di averlo rivisto ultimamente ne
L'intervista di Fellini, nel quale interpretava se stesso, allora ventenne: "Quella è stata una grande esperienza" e ci ha lasciati con una stretta di mano.
Purtroppo non siamo riusciti a complimentarci con Anna della Rosa- la ricorderete nel ruolo della "ragazza esangue" ne La Grande Bellezza di Sorrentino- davvero bravissima nel ruolo di Sonja.

Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…