Passa ai contenuti principali

Romeo+Giulietta

In una surreale Verona contemporanea, rivivono gli sfortunati amanti shakespeariani Romeo(Leonardo Di Caprio) e Giulietta (Clare Danes).
La guerra tra Montecchi in camicia hawaiana e Capuleti in eco-pelle deflagra per le strade con sparatorie all'ultimo sangue. L'odio fa da contraltare alla religiosità esasperata e ostentata in tatuaggi ed effigi anche sulle stesse armi.
Romeo, giovane poeta infatuato di Rosalina, viene convinto dall'amico Mercuzio a partecipare, in incognito, al ballo in maschera nella reggia dei Capuleti. Tra i fumi degli stupefacenti intravede Giulietta e se ne innamora perdutamente. Poi la storia la conosciamo: matrimonio, esilio, morte presunta e suicidio finale.
Narratore della tragedia è uno speaker televisivo.
La famosa scena del balcone viene trasposta in una suntuosa piscina e il loro fulmineo matrimonio celebrato da un prete fricchettone, tatuato e esperto di veleni.
Verona è ricostruita come un teatro barocco sulla spiaggia.
Le scenografie di Baz Lurman sono inconfondibili. Nessun limite è posto all'eccesso e tutto è in una combinazione antitetica: i colori chiassosi, la musica assordante e la volgarità degli altri personaggi cozzano con le parole e gli atteggiamenti eterei dei due giovanissimi protagonisti, faro di purezza nel degrado kitsch.
Le inquadrature sono ora scattose ora lente ora turbinose, a tratti da capogiro.
Nessun dettaglio è lasciato al caso: ad esempio i negozietti sulla spiaggia riportano frasi o titoli di opere shakespeariane.
La vetta del pathos si consuma su un altare circondato da candele, pizzi e una melodia melensa.


Trailer



Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…