Passa ai contenuti principali

Il sospetto



Lucas è un apprezzato insegnante in un asilo, è divorziato e ha un figlio (Marcus) che vede raramente.
Egli è un persona mite, ben inserita nel contesto sociale della sua comunità, adorato e rispettato dai colleghi e dai bambini ai quali insegna.
L'apparente armonia, però, viene prontamente interrotta quando, Klara (figlia di uno dei più cari amici di Lucas), confessa alla preside di aver subito molestie sessuali dal suo insegnante.
In realtà, l'unica "colpa" del protagonista, è stata quella di aver rifiutato un regalino da parte della bimba, e di non aver assecondato le sue eccessive richieste di attenzioni.
 La vicenda, si gonfia enormemente all'interno dell'asilo (all'inizio) per poi diffondersi tra i genitori dei bambini e all'interno dell'intera comunità alla fine.
Il germe del sospetto non risparmia praticamente nessuno e anche gli altri bambini, "vittime"dell'influenza dei propri genitori, iniziano a confessare abusi che in realtà non sono mai stati consumati.
Inizia, così, una feroce persecuzione nei confronti del protagonista: viene licenziato, abbandonato dagli amici e dalla nuova compagna, gli viene negato persino l'ingresso nei negozi, pena pestaggi o umiliazioni.
Il quadro di ipocrisia, moralismo esasperato ed accuse senza diritto di replica, è incorniciato da un'atmosfera natalizia che rende il tutto ancora più opprimente ed ansiogeno.
In questo contesto, viene messa in evidenza la condizione della vittima sacrificale, che affronta la sua situazione con dignità e determinazione nel dimostrare la sua innocenza.
Nel corso del processo a suo carico, emerge che le dichiarazioni rilasciate dai vari bambini sono confusionarie e discordanti (dichiarano il consumo di abusi nello scantinato della casa di Lucas, peccato che la casa di Lucas non abbia uno scantinato) a dimostranza dell'innocenza di Lucas. Anche Klara, alla fine, confessa che le sue parole erano frutto di fervida immaginazione.
 La pace sembra ristabilita e le amicizie rinnovate, ma solo apparentemente: la macchia del sospetto penderà per sempre sulla testa di Lucas; la scena di caccia nel finale ne è l'emblema.




Vinterberg ha il merito di confezionare  un ottimo film, sotto tutti i punti i vista; ha sopratutto il gran merito di vedere le cose da un'ottica differente: si tende infatti a vedere i bambini come oracoli di verità, innocenti e senza macchia; probabilmente, il più delle volte è vero, ma vanno anche loro considerati come esseri con le loro virtù ma anche piccoli vizi.
Nella sua precedente fatica cinematografica "Festen", invece, la prospettiva era ribaltata: era infatti un minore la vera vittima di abusi a non essere creduta dai propri genitori.

Trailer:




Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…