Passa ai contenuti principali

Giulietta degli spiriti (Federico Fellini)

"Tutta la mia vita è piena di gente che parla, parla, parla. 

Andatevene! Fuori tutti di qui!"



Giulietta (Giulietta Masina), borghese timida e remissiva, mentre trascorre la pigra estate nella sua opulenta villa di Fregene insieme allo sfuggente marito Giorgio, viene assalita da ambigue visioni che turbano la sua fragilità, e dal tarlo del dubbio dell'infedeltà del consorte.

Sono gli spiriti della sua interiorità che le si manifestano sotto forma di chiassosi personaggi da circo tra i quali spicca, in particolare, una conturbante donna che ha le sembianze di una ballerina (Sandra Milo) con cui scappò anni prima suo nonno.
La nuova vicina tenterà di scuotere Giulietta dalla castità ovattata del mondo borghese in cui è cresciuta, sospesa tra il perbenismo bigotto e l'assatanato erotismo delle sue visioni.

La falsità e il bigottismo travolgono anche gli affetti familiari della protagonista che non può che affidarsi ai suoi spiriti e abbandonarsi finalmente alle pulsioni più recondite.

Il genio felliniano crea una funambolica architettura di entità materiali e immateriali che corrono qua e là affollando i turbamenti incontrollati di Giulietta derivanti da un latente cattolicesimo che censura come tentazione ogni desiderio non canonizzato.
I colori accesi, forti, detonano sulla scena, creando un caleidoscopio delirante di surrealismo che è trasposizione di quel sottile e offuscato momento in bilico tra sogno e veglia.
Un poema onirico, di evasione dalla claustrofobica falsità del mondo borghese.
Il classico bianco e nero, del quale il regista si era sempre servito, cede il testimone all'esplosione di colori, funzionale a rendere ancor più allucinati gli spiriti di Giulietta.


Anno: 
 1965
Pellicola: 
 colore
Durata: 
 120 min
Produzione: 
 Federiz (Roma), Francoriz (Paris)
Distribuzione: 
 Cineriz
Visto censura: 
45733 23/09/1965

Premi:
1965

- Nastro d'argento per miglior attrice non protagonista

1965-1966

- Nastro d'argento per miglior fotografia a colori- Nastro d'argento per miglior scenografia- Nastro d'argento per migliori costumi- David di Donatello per miglior attrice


Trailer:




Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…