Passa ai contenuti principali

Harry a pezzi


Harry Block è un acclamato scrittore, nevrotico, depresso, continuamente in analisi, facile allo scendere sempre più in basso per rovinarsi la vita.
La sua Università, da cui era stato cacciato, lo ha insignito di un premio, ma non ha nessuno che vuole accompagnarlo. Quindi: trova una prostituta e rapisce il proprio figlio, da cui è stato obbligato a tenersi lontano a causa dei suoi comportamenti e discorsi amorali.
La vita di Harry è a pezzi: il migliore amico gli ha "soffiato" l'unica ragazza di cui si fosse mai innamorato, su cui fantastica un romanzo su una dantesca discesa negli inferi; ha alle spalle tre matrimoni falliti per colpa della sua incontenibile tendenza al tradimento; i suoi familiari e le ex mogli ce l'hanno con lui perché usati come personaggi, dipinti in malo modo, nei suoi romanzi, spesso svelando i loro segreti.


I personaggi dei suoi libri, ne escono e raccontano le fasi della sua vita fino a quella che sta vivendo: il blocco dello scrittore, rappresentata, in modo geniale, da Mel (Robin Williams), un attore che improvvisamente si trova ad essere "fuori fuoco".
L'analisi e il viaggio verso l'Università faranno intrecciare realtà e letteratura, con esilaranti sequenze
che frammentano la psiche di Harry facendoci scendere nelle sue surreali
manie.

Divertente, dialoghi serrati, cinici, insomma il chiacchiericcio nervoso di Allen invade e conquista la scena.
Il topos del doppio viene esasperato: è uno nessuno e centomila.
Harry è ognuno dei suoi personaggi che lo proiettano nelle sue deliranti fantasie fino a giungere all'Inferno per riprendersi l'amata rapita da Larry-satana.
Allen scrive, interpreta, dirige, da sfogo alle sue paranoie in questo film senza apparente trama, confuso e frammentario che trascina a singhiozzi lo spettatore nell'inconscio turbinoso del protagonista, divertendolo.



Trailer:





Frasi dal film:

- Sa, io vado a puttane... così non devo parlare di politica, di film, di Proust; quindi siamo "felici e clienti"


- Taci! Tu sei un mago con le parole, sennò come avresti fatto a convincermi a farti un pompino al funerale di mio padre?

Le due parole che uno desidera di più sentirsi dire... "Ti amo"? Assolutamente no. "È benigno".

-La tradizione è l'illusione della perpetuità.

- Io credo che tu sia il contrario di un paranoico. Credo che tu viva nell'insana illusione di piacere alla gente!

- Mi cacciarono via perché l'università non mi interessava, io volevo fare lo scrittore, era l'unica cosa che mi interessasse, del mondo reale me ne fregavo, mi interessava solo il mondo della fantasia e... e... e in più cercai di fare... un clistere alla moglie del preside, non gradirono un granché! 

-Sì, non c'è niente di male nella scienza. Sai, io tra l'aria condizionata e il papa, scelgo l'aria condizionata.

- Io non ho anima. Lo sai che vuol dire, mettiamola così: da giovane avevo meno paura aspettando la rivoluzione che adesso aspettando Godot.

- Ascensore dell'Inferno: Quinto piano: borseggiatori della metropolitana, mendicanti aggressivi, critici letterari. Sesto piano: estremisti di destra, serial killer, avvocati che vanno in TV. Settimo piano: i Media. Spiacenti, il piano è al completo. Ottavo piano: criminali di guerra evasi, predicatori televisivi, sostenitori di armi da fuoco. Ultimo piano: tutti fuori, prego.

Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…