Passa ai contenuti principali

Voglia di tenerezza - Terms of endearment




Aurora (Shirley McLaine) è rimasta vedova in giovane età ed è madre possessiva e apprensiva di Emma (Debra Winger). Il loro rapporto è spesso tormentato, ma simbiotico.
Madre e figlia hanno infatti due caratteri molto differenti: il rigido ed insofferente approccio alla vita di Aurora cozza spesso con la genuinità a tratti superficiale con cui Emma conduce le sue scelte di vita.
 Tra i vari motivi di contrasto, a predominare è quello del futuro marito di Emma, Flap, insegnate squattrinato con cui avrà in futuro tre figli e a causa del cui lavoro sarà costretta a trasferirsi in un'altra città.
Aurora non si è mai risposata e continua a rifiutare i suoi corteggiatori, finché al compimento dei suoi 50 anni, non cede alle avances del vicino Garreth (Jack Nicholson), un ex astronauta alcolizzato e donnaiolo, l'estremo opposto della rigida Aurora.
I due intrecciano una tenera relazione, ma Garreth, accortosi di quanto la donna tenga a lui, si spaventa perché non si sente ancora pronto a legarsi.
Nel frattempo, Emma, sospettando che il marito la tradisca con una sua allieva, inizia, senza passione, una relazione passeggera con un direttore di banca.
La scoperta di un tumore maligno di Emma, durante una visita di controllo, sarà la tragica occasione per riunire la famiglia e sanare le vecchie incomprensioni.
Garreth, ricevuta la notizia, si riavvicina ad Aurora, ormai consapevole di amare solo lei e di voler abbandonare la sua sterile esistenza da scapolo.

Un film che affronta il tema della malattia quasi in sordina. Protagonista è più la voglia di cambiamento di Aurora, il bisogno, che si era sempre negata, di avere qualcuno a cui affidarsi e di cui innamorarsi.
Il dolore che pervade l'ultima parte del film non scende nel patetico, ma resta sempre un flebile barlume di qualcosa di positivo oltre la sofferenza.
Una storia commovente, la cui riuscita è dovuta alla straordinaria interpretazione di Jack Nicholson e Shirley McLaine che è valsa ad entrambi l'oscar.
Il regista James L. Brooks stravolge e riadatta, a suo piacimento, il libro di Larry Mcmurty (premio Pulitzer e sceneggiatore da oscar de I segreti di Brokeback Mountain), inventando il personaggio di Garreth. Personaggio inizialmente cucito addosso a Burt Reynolds che rifiutò la parte, fruttando l'oscar a Jack Nicholson che ne otterrà un altro, vent'anni dopo, grazie allo stesso Brooks per la pellicola Qualcosa è cambiato.



Trailer:




Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…