Passa ai contenuti principali

50/50

"Un tumore? Io? Ma non ha senso, dottore. Insomma non bevo, non fumo, faccio la raccolta differenziata!"


Il ventisettenne Adam (Joseph Gordon-Levitt), è un giornalista radiofonico, iper salutista, che convive con Rachael (Bryce Dallas Howard) una sfuggente pittrice senza talento.
Dopo una visita medica per dolori alla schiena, scopre di avere un neurofibroblastoma: un cancro maligno. Dovrà sottoporsi a dolorose sedute di chemio per ridurlo.
Da una ricerca su internet scopre che le possibilità di guarigione sono 50/50, da cui il titolo del film.
Adam cade in uno stato confusionale e passivo in cui cerca disperatamente di non abbandonarsi al dolore.
Scoperto il tradimento di Rachael, rimasta con lui solo per pietà, troverà supporto nel chiassoso amico Kyle (Seth Rogen), che usa il cancro dell'amico per rimorchiare, e nella giovane ed inesperta terapista, assegnatagli dall'ospedale, Katherine (Anna Kendrik). Con lei allaccerà una relazione anche al di fuori della terapia.
Durante la chemioterapia stringe amicizia con altri due pazienti, Alan e Mitch, più anziani di lui, ma più spensierati (gli offrono pasticcini d'erba per superare il dolore). Dopo la morte di Mitch, Adam si rende conto di dover fare i conti con la propria assillante paura di morire che tanto aveva cercato di arginare.
Il medico gli comunica che la chemio non ha avuto l'effetto sperato. L'unica possibilità di salvezza è una rischiosissima operazione dal quale può uscire guarito o morto: la speranza è ancora lasciata al 50 e 50.
Solo la sera prima dell'intervento, Adam riesce a dar sfogo a tutto il dolore e al terrore che aveva tenuto dentro.
Dopo ore di snervante attesa in sala d'aspetto, il chirurgo comunica ai cari l'esito dell'operazione.


Film che tocca un tema molto delicato in maniera brillante, basandosi su una storia vera: quella dello sceneggiatore Will Reiser.
Il regista, Jonathan Levine, riesce a mantenere un tono di commedia senza tuttavia renderlo un film leggero.
Anzi. Toccante e delicato, colpisce nel profondo e ci mostra come anche nella tragedia più nera, anche quando sembra non esserci via d'uscita, si possa trovare il sorriso e il coraggio di andare avanti grazie agli affetti più cari.
Riso e lacrime soffocate si alternano fino alla logorante attesa finale, senza scendere nel patetico.

L'interpretazione di Joseph Gordon-Levitt è commovente: trasmette egregiamente e in modo struggente, tutto il dolore e la strenua lotta contro l'abbandono alla disperazione.
Seth Rogen ben si adatta alla parte dell'amico politicamente scorretto e irriverente che cerca di nascondere la profonda sofferenza dietro sbronze e ragazze, pensando così di aiutare al meglio Adam.
Notevole anche il resto del cast, in particolare Angelica Huston nel ruolo della madre apprensiva del protagonista.
Bella e azzeccata la colonna sonora, memorabile l'emozionante High and Dry dei Radiohead.


Trailer:




Frasi del film:

- Un tumore? Io? Ma non ha senso, dottore. Insomma non bevo, non fumo, faccio la raccolta differenziata!

- Tutti ti dicono frasi tipo "starai meglio", "non preoccuparti", "va tutto bene". Non è così. 

- Non puoi cambiare la situazione, ma puoi cambiare solo il modo in cui decidi di affrontarla.

- Pensi che una ragazza starebbe con me solo perché ho il cancro? - Per la millionesima volta: sì!


Post popolari in questo blog

I dieci film più noiosi e soporiferi di sempre

Dopo la classifica dei film che tolgono il sonno, ecco quelli che te lo restituiranno con gli interessi! Sì quei film che, ti giri e mezza sala è già andata, l'altra metà lotta senza speranza contro la palpebra calante...e tu che non vuoi fare la loro fine....e si accendono le luci! Oppure quelli che, carico di aspettative, ti vedi a casa sul divano con l'uomo/donna della tua vita ma è un attimo e uno dei due crolla sulla spalla dell'altro. Alcuni (e dico solo alcuni) sono davvero dei bei film, ma non c'è caffè che regga, sei destinato a non vedere la fine.
10. Paranormal Activity 1- Oren Peli (2007)

Una tizia si sveglia di notte e fissa il fidanzato. Tutta la notte. Ogni notte. Lui piazza una telecamera per riprenderla. Questo fa molto incazzare l'essere oscuro che infesta la casa e la ragazza. Questo fa molto dormire.



9. Avatar (alla seconda visione) - James Cameron (2009)

Forse la prima volta al cinema e con gli occhiali 3D e solo con queste due condizioni, vuoi…

I dieci film italiani più trash di sempre (non sono belli ma piacciono)

Cosa vi viene in mente quando dico Neri Parenti, Vanzina, Jerry Calà, Umberto Smaila, De Sica (figlio) e compagnia "bella"?
La parola chiave è trash.
Quei film che hanno messo la lapide sul defunto cinema italiano.
Quelli che si beccano mezza stella quando va bene.
Quelli che hanno fatto nascere il qualunquismo all'italiana.
Quelli che quando si apre lo champagne o sciampagne, il tappo va rigorosamente in bocca.
Quelli in cui lo stacco alla Godard è scandito da emissioni gastroenteriche e da qualche tetta.

Attenzione: contenuti espliciti.
Quest'anno il Natale viene ad ottobre; MORTACCI SUA!

10 Yuppies (1986, Vanzina)

Per noi una parola senza significato, per i rampolli anni '80 l'apice del successo. Ecco il Wall Street all'italiana, dove tra un affare e l'altro i "giovani" (sì...giovani...) e "belli" (idem) seducono le tettute bellezze italiche. 
Non ancora ai livelli del Vanzina anni '90, però il regista lasciava intendere un …

I 10 film da non guardare con i genitori - ovvero la classifica dei 10 film d'autore più scandalosi

La classifica che ci accingiamo a stilare trae spunto da una delle maggiori fonti di imbarazzo nel rapporto genitori-figli: il film d'autore (che tutti sappiamo sinonimo di film erotico). Eccoti a casa e per una volta vuoi vederti quel film d'autore (di cui tutti i radical chic parlano) in pace sul comodo divano e su uno schermo che non sia il tuo portatile da 11 pollici...ma ecco che si presentano anche loro: i tuoi genitori, che vogliono vedere un film con i loro "bambini". Allora ti dici, va beh è pur sempre un cult (o almeno così te lo presenta Sky), che farà vedere mai, e dopo 10 minuti ti penti di non essertelo visto in streaming con le cuffiette all'università. Arriva quel momento in cui quelle scene osannate dalla critica come "artistiche e per nulla pornografiche", fanno dire a tua madre "ma che film è? cambia un po', vado a dormire" a tua nonna "'ste cose manco Brooke Logan", mentre tuo padre guarda fisso lo scherm…